Fortnite è tornato (Fonte Flickr)
adv

Fortnite è tornato dal buco nero che lo aveva inghiottito. Il nuovo episodio disponibile online si chiama Chapter 2 – Battle Pass

Da ieri sera, 15 ottobre 2019, il celebre gioco della Epic Games è tornato on line. Due giorni prima era stato inghiottito da una sorta di buco nero durante l’evento non a caso chiamato The end. Per molte ore i giocatori di tutto il mondo sono rimasti a digiuno di un videogioco che ha battuto ogni record di diffusione globale.

Fortnite Chapter 2 – Battle Pass

Il nuovo episodio di Fortnite si chiama Chapter 2 – Battle Pass. La grafica è più aggressiva e la mappa da esplorare è totalmente nuova. Sono presenti nuovi veicoli e le possibilità di azioni sono aumentate: ora è possibile pescare e nuotare, ad esempio.

Il trailer su Twitter

Il nuovo capitolo, prima di diventare completamente operativo, è stato presentato al mondo intero con uno speciale trailer apparso su Twitter. In esso, l’azione riparte da dove si era conclusa: dal buco nero che aveva inghiottito il mondo precedente. Chiudendosi, vediamo nascere un nuovo mondo.

800.000 persone hanno visto il trailer, diffondendo la notizia a macchia d’olio. Twitch.tv, celebre piattaforma streaming di videogames, ha già diversi giocatori che stanno mostrando le molteplici possibilità di Chapter 2 – Battle Pass.

Chi sarà il dominatore indiscusso di questo nuovo mondo? Ai posteri l’ardua sentenza.

Avatar
Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.