Fotografia: quanto sono distanti le fotocamere smartphone dalle reflex
Foto: madeinmurgia.org
adv

L’evoluzione tecnologia della fotografia sta producendo fotocamere smartphone sempre più evolute: quanto sono distanti le reflex?

La fotografia è uno dei settori influenzato maggiormente dalle conquiste tecnologiche avvenute nell’ultimo ventennio. Il rapido abbandono della fotografia analogica è stato reso possibile dall’arrivo delle nuove fotocamere digitali, in grado di scattare un numero praticamente illimitato di foto a costo zero. In pochissimi anni la fotografia ha smesso di essere esclusivamente un’attività riservata a professionisti o un hobby assai costoso, per divenire qualcosa alla portata di chiunque.

L’avvento dei nuovi smartphone, dotati di sistemi di fotocamere sempre più complesse, ha ulteriormente allargato il bacino di appassionati di fotografia.

La fotografia al tempo dei social

Oggi i principali social, come Facebook, sono invasi quotidianamente da centinaia di migliaia di foto pubblicate dagli utenti. Non solo: uno dei social più famosi, Instagram, è nato specificamente come piattaforma di photo – sharing.

Si tratta di piattaforme gratuite, sulle quali ognuno è libero di caricare tutte le foto che desidera, al prezzo di qualche rinuncia. Su Facebook, in particolare, vi sono algoritmi di compressione che rendono meno pesanti i contenuti pubblicati, permettendo al social di non “ingolfarsi”. La qualità delle foto caricate sul social stesso ne risente però parecchio.

La fotografia ha assunto nuovi significati e scopi. Essa è diventata fonte di reddito per tutti coloro che, attraverso essa e sfruttando le nuove piattaforme social, sono stati in grado di usare la propria immagine in maniera imprenditoriale. I cosiddetti “influencers” su Instagram sono emblematici di questo nuovo fenomeno, diffusosi nell’ultimo decennio.

Ancora una volta, questi tumultuosi cambiamenti sono riconducibili alla diffusione capillare degli smartphone, ma non solo. Lo stesso segmento delle fotocamere digitali ha ricevuto nuova linfa dalla rivoluzione social. La qualità fotografica di una qualunque reflex è, difatti, comunque maggiore di quella dello smartphone più avanzato.

L’evoluzione delle fotocamere smartphone e le nuove reflex “connesse”

La qualità fotografica è legata a numerosi fattori, tutti ben conosciuti ai professionisti della fotografia, che sanno orientarsi senza difficoltà nella scelta del mezzo fotografico più adeguato agli scopi prefissati. Le cose si fanno molto difficili per i neofiti, carenti di conoscenze specifiche e bombardati quotidianamente da pubblicità che fanno leva soprattutto sui megapixel.

Basti sapere che uno dei fattori più importanti per determinare la qualità di una qualsiasi fotocamera è costituita dalla grandezza del sensore fotografico. Se solo volessimo soffermarci su questo aspetto, il confronto sarebbe impietoso: la diagonale di un sensore di una reflex professionale è diverse volte superiore a quella dei sensori implementati sui migliori smartphone. Sono le stesse dimensioni ridotte dei cellulari ad impedire l’implementazione di sensori più grandi oltre, ovviamente, al complesso sistema di lenti presenti su una reflex.

Ciò nonostante, la tecnologia sta facendo passi da gigante, tentando di sopperire a queste carenze con i fenomenali progressi compiuti da elaborazione ed intelligenza artificiale. Ciò non implica che le fotocamere smartphone potranno raggiungere le reflex, ma semplicemente che il loro livello è ormai adeguato a soddisfare i gusti dell’utente medio, che ha pretese ben diverse dal fotografo professionista.

Quest’ultimo, dal canto suo, può trarre beneficio dalle nuove reflex “connesse”, che  sono a loro volta un prodotto dell’evoluzione tecnologica della fotografia. Esse permettono, ad esempio, di controllare la fotocamera direttamente dallo smartphone e di trasferire le foto direttamente sul cellulare per poterle condividere istantaneamente.