Logo Whatsapp
Logo Whatsapp
adv

La più importante chat di messaggistica istantanea sta perdendo colpi: gli utenti stanno chiudendo i loro account

È innegabile che Whatsapp sia diventato un colosso nella messaggistica istantanea, al pari di social quali Instagram o Facebook. Le ultime stime vedono la green chat volare a 1,5 miliardi di utenti circa.

I meriti di Whatsapp

Zuckerberg, Ceo dell’azienda dal 2014, ha attuato un opera di fidelizzazione verso i fan proponendo aggiornamenti sempre più funzionali e all’avanguardia, come l’ultimo in programma sui contenuti multimediali: senza bisogno di aprire l’applicazione, al momento di ricezione dell’immagine, si visualizzerà il testo sotto o sopra la stessa, direttamente in anteprima.

Nonostante ciò nell’ultimo periodo, molti fruitori stanno addirittura chiudendo i propri account. Ma perché questo calo improvviso di users? Il motivo sembrerebbe essere la cosiddetta blue chat: Telegram.

La ribalta di Telegram

Secondo l’opinione di una grande fetta di utenti, Telegram, app ideata dal russo Pavel Durov, avrebbe tutte le funzioni che ha Whatsapp unita ad una maggiore fruibilità e dinamicità, e aggiornamenti del tutto inediti. Una delle principali funzioni proposte dalla chat di matrice russa è La conversazione a termine.

 Il servizio consiste nell’utilizzo di chat che dopo un certo quantitativo di tempo si autoeliminano; una manna per i più discreti e i più prudenti. Facile è l’allusione a chi potrebbe usare questa funzione per nascondere verità scomode ai propri partner.

I fruitori parlano inoltre di opzioni divertenti e utili come i canali(strumenti per diffondere messaggi pubblici ad un ampio pubblico) e i bot (utenti artificiali programmati per interagire nelle chat con i reali utenti dell’applicazione di messaggistica ) e di una garanzia maggiore sulla privacy.

Logo telegram

A questo punto, resta solo da chiedersi come reagirà Whatsapp all’assalto di Telegram. Il ring è pronto, il piatto è caldo e invitante: America vs Russia, Mark Zuckerberg vs Pavel Durov, chi avrà la meglio?