Garanzia Campania Bond finanza innovativa per sostenere le PMI
adv

Garanzia Campania Bond è realtà grazie all’approvazione della convenzione: la finanza sosterrà le piccole e medie imprese campane

Sottoscritta nella giornata di ieri, venerdì 2 agosto, la convenzione che darà il via a Garanzia Campania Bond, iniziativa promossa dalla Regione Campania come misura di sostegno per la rete delle Piccole e Medie Imprese (PMI).

Garanzia Campania Bond è un innovativo sistema finanziario che permetterà alle imprese l’emissione di Minibond grazie ai quali le PMI avranno a disposizione fondi per poter compiere ulteriori investimenti. Questa modalità di finanziamento a lungo termine, supportata da condizioni economiche vantaggiose e dalla garanzia pubblica, ha l’obiettivo di agevolare lo sviluppo della rete delle PMI campane. Queste ultime potranno accedere a nuovi finanziamenti anche senza garanzie reali. L’obiettivo è quello di ottenere riscontri positivi in termini di competitività sui mercati ed un aumento dei livelli occupazionali.

Garanzia Campania Bond: quando e come partecipare

La convenzione che ha reso possibile la realizzazione del progetto Garanzia Campania Bond è stata resa possibile grazie alla compartecipazione di numerosi partner. A Sviluppo Campania, soggetto attuatore della misura, si è affiancato il Raggruppamento Temporaneo di Imprese (RTI) costituito da: Mediocredito Centrale – Banca del Mezzogiorno S.p.A. e FISG S.r.l., Gruppo Banca Finint. L’RTI avrà la funzione di Arranger dell’operazione e si occuperà del coordinamento degli aspetti organizzativi di Garanzia Campania Bond.

Da inizio settembre la nuova misura riceverà pubblicità capillare su tutto il territorio regionale. Tutte le imprese interessate potranno inviare le manifestazioni d’interesse all’iniziativa dal 2 settembre al 9 dicembre 2019. Le informazioni necessarie alla presentazione della domanda sono già disponibili collegandosi al sito: www.garanziacampaniabond.it

La soddisfazione dei partecipanti all’iniziativa

L’emissione dei bond rappresenta un’alternativa al canale tradizionale bancario. – dichiara il Prof. Mario Mustilli, Presidente di Sviluppo Campania – I basket bond sono un’innovazione assoluta nel mercato del credito italiano per sostenere le imprese che hanno bisogno di finanziamenti per innovarsi e crescere attraverso il ricorso al mercato dei capitali. Sviluppo Campania è fortemente impegnata a dare sostegno alle piccole e medie imprese attraverso strumenti di finanza innovativa che possano facilitare l’accesso al credito superando vincoli regolamentari che spesso soffocano l’iniziativa imprenditoriale”.

Questa operazione – ha commentato l’Amministrazione Delegato di Mediocredito Centrale Bernardo Mattarella – è un esempio concreto di come sia possibile utilizzare strumenti finanziari innovativi per favorire lo sviluppo economico del Mezzogiorno. Siamo perciò orgogliosi di mettere a disposizione della Regione e delle imprese del suo territorio il know how della nostra Banca con l’obiettivo di contribuire alla crescita delle piccole e medie imprese della Campania”.

La più grande soddisfazione per una realtà che, come il Gruppo Banca Finint, fa dell’innovazione finanziaria uno dei propri valori principali – afferma Luigi Bussi, Amministratore Delegato di FISG (Gruppo Banca Finint) – è poter offrire al mercato operazioni mai realizzate prima con il fine di proporre alle Imprese delle nuove modalità di finanziamento, alternative al canale bancario, che molto spesso vanno proprio ad integrare la provvista finanziaria reperita tramite metodi più tradizionali.

Quando abbiamo proposto per la prima volta in Italia un’operazione di sistema, per il settore delle utilities, eravamo certi che avrebbe fatto scuola e che sarebbe stata replicata anche in altri settori e modalità. Oggi i c.d. “Basket Bond” sono una realtà affermata e conosciuta, e soprattutto un grande aiuto per le Imprese che hanno un piano di sviluppo forte e credibile da finanziare. L’operazione Garanzia Campania Bond sarà una grandissima opportunità per lo sviluppo dell’economia reale della Regione e del suo tessuto imprenditoriale”.