Daenerys Targaryen
adv

Troppe notizie false girano su George R. R. Martin e la sua opera. In un messaggio sul suo blog personale lo scrittore statunitense risponde a tono

Da molto tempo girano voci incontrollate sul fatto che gli ultimi due libri delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, Venti di Inverno e Sogno di Primavera, sarebbero già state scritte da George R.R. Martin, il quale non li avrebbe ancora fatti uscire in libreria avendo deciso di aspettare prima la fine de Il Trono di Spade.

Le prime voci causate da Ian McElhinney (Barristan Selmy)

Ian McElhinney, l’attore britannico che ha interpretato Barristan Selmy, ha seminato il panico e l’interesse tra i fan dopo aver rilasciato un’intervista, durante la Convention russa Epic Con. Ecco le sue parole “George ha già scritto il sesto e il settimo libro della Canzone del Ghiaccio e del Fuoco, […]. Ma arrivò ad un accordo con Dan e David, gli sceneggiatori della serie, per non pubblicarli fino a quando la serie tv non sarà conclusa”.

I fan hanno subito iniziato a lanciare appelli per far pubblicare il prima possibile i due ultimi volumi.

Cronache del Ghiaccio e del Fuoco

La risposta di George R.R. Martin

La risposta di George R.R. Martin non si è fatta attendere. Sul suo blog personale, Martin ha scritto un testo, dal titolo Sciocchezze su Internet, per rispondere a diverse fake news. Nel testo possiamo leggere: “Devo dirvi, senza ambagi, che Venti di Inverno e Sogno di Primavera non sono ancora terminati. Il secondo non è ancora stato iniziato; non andrò ad iniziare il settimo volume fino a quando non avrò terminato di scrivere il sesto”.

La difesa di Martin continua mettendo in risalto l’insensatezza di non pubblicare qualcosa se fosse già stata finita. Non pubblicandola, infatti, lui e la sua casa editrice perderebbero un mucchio di soldi. Perfino la HBO ci andrebbe a perdere visto che “i libri aiutano a creare interesse per la serie, come la serie crea interesse per i libri”.

Voi cosa ne pensate?

Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.