Gli Invasori
adv

Gli Invasori sono un gruppo di super eroi che durante la II Guerra Mondiale ha contribuito alla vittoria degli Alleati

In questo articolo vi narreremo l’avvincente storia del gruppo di super eroi più famosa della Seconda Guerra Mondiale: Gli Invasori.

Gli Invasori

Gli Invasori sono nati dalla fertile mente del grande Roy William Thomas Jr. (per gli amici Roy Thomas) e dai disegni di Silvio Buscema (Sal).

Roy Thomas (Fonte Wikipedia)

Apparvero per la prima volta nel dicembre del 1969 sul numero 71 di The Avangers (USA). La loro prima apparizione italiana risale al numero 86 de Il Mitico Thor.

I primi membri di questo team risalgono all’antesignana dell’attuale Marvel Comics, la Timely Comics. Fu Thomas che ebbe la geniale idea di sfruttare vecchi personaggi per raccontare delle storie completamente nuove.

Capitan America (con la storica spalla Bucky), la Torcia Umana (con il compagno Toro) e Namor Sub-Mariner furono i membri originali di questo gruppo precursore dei Vendicatori (Avangers).

Fu il Primo Ministro del Regno Unito Winston Churchill a definirli Invasori (Invaders), visto che le loro prima avventure si svolsero tra Stati Uniti d’America e Gran Bretagna.

Il resto della squadra

Ben presto si unirono altri eroi agli Invasori da entrambe le sponde dell’Atlantico. Da Londra arrivarono Spitfire (come il celebre aereo) e Union Jack I e II. Questi ultimi incarnavano l’Anima della Gran Bretagna.

Dagli Stati Uniti d’America arrivarono Blazing Skull e Thin Man (tra gli altri).

Alcuni avversari

I loro avversari furono i super criminali nazisti, e non solo. Il fratello di Lord Montgomery Falsworth (il primo Union Jack), un vampiro, si alleò a Hitler assumendo la figura del Barone Sangue.

Altra nemesi degli Invasori fu il Teschio Rosso, ad oggi il nemico numero uno di Steve Rogers (Capitan America).

Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.