Google Assistant
adv

Google Assistant è recentemente comparso  insieme all’attore Macaulay Culkin in uno spot in cui vengono rievocate talune scene del film natalizio “Mamma ho perso l’aereo”

Uno dei film più seguiti in TV in queste giornate di festività natalizie è sicuramente “Mamma ho perso l’aereo” che racconta le disavventure del piccolo Kevin McCallister (impersonato dall’attore Macaulay Culkin), dimenticato clamorosamente dai suoi parenti in procinto di partire per le vacanze. Il suo successo a livello mondiale è dimostrato non solo dalla produzione di ulteriori pellicole ad esso ispirate ma anche di recente dalla realizzazione di uno spot pubblicitario in cui le peripezie del protagonista, oramai cresciuto, vengono riproposte in compagnia di un nuovo singolare personaggio: Google Assistant.

 

Lo spot

Il video, della durata complessiva di un minuto (qui di seguito il link: https://www.youtube.com/watch?v=xKYABI-dGEA), è ambientato in America, nel giorno della vigilia di Natale.  Dopo essersi alzato dal letto e dopo aver chiamato a gran voce i suoi genitori senza ricevere alcuna risposta , Kevin capisce di essere stato abbandonato: un dato di fatto, questo, che viene confermato anche da Google Assistant mentre si accinge a fare colazione. Recandosi poi in bagno, il protagonista scopre che il barattolo della schiuma da barba è vuoto. Da qui, egli comincia a segnalare al suo Assistant tutta una serie di necessità, dalle cose da inserire nella lista della spesa alla pulizia delle lenzuola del letto. Con Google Assistant Kevin riesce inoltre a pagare la pizza portata, come nel film, da un fattorino in modalità online, evitando così di doversi scontrare con il problema del resto. Infine, lo smart speaker procede ad alzare di qualche grado la temperatura del riscaldamento dell’appartamento e soprattutto a dissuadere la banda di ladri (composta nel film da Joe Pesci e Daniel Stern) dai suoi propositi di furto mettendo in atto la celebre “Operazione Kevin”.

 

 

Un assistente molto capace ed apprezzato…

Quella del colosso di Mountain View appare dunque come una simpatica “trovata” per indurre i tantissimi amanti del celebre film natalizio ad acquistare il suo prototipo di smart speaker, mostrandone le sue indubbie capacità in un range di situazioni e di pericoli abbastanza ampio.

Nel 2018, in virtù di un sondaggio effettuato dalla società di analisi Loup Ventures, Google Assistant è risultato essere l’assistente vocale più efficiente sul mercato mondiale. L’azienda americana ha elaborato un gruppo di ben 800 domande da rivolgere al prodotto di casa Google e ad altri apparecchi simili, come Apple Siri, Microsoft Cortana e Amazon Alexa. Lo smart speaker di Mountain View ha ottenuto il massimo punteggio sia a livello di comprensione dei quesiti formulati, con un range del 100% , che nella quantità di risposte esatte, pari all’81 %, rivelando spiccate capacità nel posizionamento su mappa, nella ricerca di specifiche attività dislocate sul territorio e nella pianificazione di itinerari stradali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Avatar
Nato a Taranto nel 1986, Angelo Zito frequenta il liceo classico conseguendo la maturità classica nel 2005 con il punteggio di 97/100.  Nel 2009 consegue con il massimo dei voti il titolo di Dottore in Conservazione dei beni culturali dell'Università presso l'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli e nel 2011, presso lo stesso ateneo e con il medesimo esito, il titolo di Dottore Magistrale in Archeologia. Nel mese di aprile 2018 conseguirà il Diploma di Specializzazione in beni archeologici, titolo equipollente al dottorato di ricerca, necessario per l'accesso ad incarichi professionali presso il Mibact. Membro dello staff direttivo dell'Associazione culturale Heracles 2015, giornalista pubblicista dal maggio 2017, attualmente collabora con Il Giornale Off, approfondimento culturale online del quotidiano milanese.