Google Pixel 4a una piccola rivoluzione in casa Google
adv

Pixel 4a è lo smartphone con cui Google potrebbe introdurre tante novità: design, hardware, fotocamere, prezzo e uscita del nuovo medio-gamma

Google Pixel 4a, in arrivo la prossima primavera, si candida ad essere il mid-range del 2020. Il prossimo anno, è stato annunciato tante volte, dovrebbe far segnare il momento di svolta per quanto riguarda la nuova connessione 5G. La ventura diffusione delle reti di quinta generazione è in effetti responsabile di molti dei cambiamenti attesi anche nel mercato degli smartphone, ma si tratta di innovazioni che riguarderanno in questa prima fase quasi esclusivamente i prodotti di punta, i più costosi. Ci siamo già occupati qui dei top di gamma in arrivo nel 2020 e sappiamo che si tratta di prodotti non adatti alle tasche di tutti.

Il segmento dei medio-gamma, tuttavia, offre spesso valide soluzioni di compromesso a chi non vuole rinunciare del tutto alla qualità, pur senza svenarsi. Tra i cellulari di fascia media più attesi nel 2020 c’è sicuramente il Google Pixel 4a.

Google Pixel 4a: Mountain View sceglie la strada del rinnovamento radicale?

Il dispositivo “economico” di Google, nonché fratellino minore dei Pixel 4 e Pixel 4 XL (qui tutte le informazioni), promette di introdurre tante novità non solo rispetto al predecessore Pixel 3a, ma anche nei confronti della linea dei Pixel in generale.

Tra le informazioni che sono già trapelate riguardo al nuovo Google Pixel 4a, alcune particolarmente interessanti riguardano il design. Innanzitutto, il nuovo smartphone dovrebbe avere dimensioni sensibilmente inferiori alla media: 144.2 x 69.5 x 8.2 mm. Ciò nonostante, lo smartphone dovrebbe comunque ospitare un display di dimensioni più che accettabili, dalla diagonale di 5,7 o al massimo 5,8 pollici, con risoluzione FHD. È qui la prima vera rivoluzione: uno smartphone tutto sommato tascabile, ma con ampio display, vuol dire che finalmente anche Google ha deciso di proporre un modello dalle cornici assai sottili, sebbene ben visibili. Questa soluzione ne implica un’altra, altrettanto innovativa: Google Pixel 4a dovrebbe essere il primo smartphone di Mountain View ad adottare la soluzione del foro sul display per accogliere la fotocamera frontale.

Il nuovo Pixel 4a

Un’altra gradita sorpresa dovrebbe essere quella della presenza dell’ingresso jack da 3.5 mm per le cuffie, sempre molto apprezzato dall’utenza. Il ritorno sulla scocca posteriore del sensore di sblocco tramite lettore di impronte digitali sarebbe invece giustificato dall’esigenza di abbandonare lo sblocco facciale per ridurre i costi.

Hardware, fotocamera, batteria, prezzo, uscita

Google Pixel 4a dovrebbe essere equipaggiato con lo Snapdragon 730, processore montato su molti medio gamma, molto apprezzato per essere poco energivoro. Un’alternativa potrebbe essere il più recente Snapdragon 765. La dotazione base prevede 4 o 6 GB di RAM ed uno spazio di archiviazione interno di 64 GB, molto probabilmente non espandibile.

Sembra piuttosto improbabile che lo smartphone riceva il supporto alle reti di quinta generazione, ma non sono comunque da escludere sorprese dell’ultim’ora.

Come tradizione, è probabile che Google scelga di non seguire la moda di riempire lo smartphone di sensori fotografici, puntando esclusivamente sulla qualità. Pixel 4a dovrebbe avere fotocamera singola, sia frontale, che posteriore. La fotocamera posteriore, da 12 MP, dovrebbe trovare posto, assieme al flash led, nel classico quadrato proposto dagli ultimi Pixel.

Poche informazioni riguardo alla batteria, che dovrebbe avere una capacità intorno ai 3000 mAh, viste anche le ridotte dimensioni dello smartphone. Prezzo di lancio che non dovrebbe superare di molto le 400 euro. Presentazione ufficiale ed uscita dovrebbero avvenire nella prossima primavera.