Google Stadia
Google Stadia
adv

Google Stadia è l’evoluzione più naturale dell’attuale modo di giocare, esplosivamente presentato nella giornata del 19 Marzo.

Cos’è Google Stadia?

Una nuova piattaforma da gioco, lanciata sul mercato da un “nuovo” quanto ingombrante produttore (e tutti possono ben immaginare quanto quel colosso di Google sia ingombrante) che minaccia di sconvolgere non solo gli equilibri, ma portare la competizione su un livello ancora più avanzato e futuristico. Una piattaforma che non necessita di hardware di alcuna sorta, essendo completamente digitale (e sì, nessuna assistenza ostica da contattare in caso di una console difettosa), che vive esclusivamente di streaming e permette la connessione da qualsiasi dispositivo nella miglior risoluzione possibile. Un futuro che sembrava tanto lontano, Google lo porterà nel palmo della nostra mano entro la fine del 2019.

I numeri del futuro

Annullare i tempi di caricamento, download o installazione, da qualsiasi punto si voglia, attendendo poco meno di 5 secondi per far partire il gioco ed avendo la possibilità di giocare in multiplayer. Questo è Google Stadia. Sfruttando la possibilità di immagazzinamento dei dati tipica di Google, la piattaforma di Cloud Gaming permetterà al giocatore di usufruire di un qualsiasi titolo su qualsiasi dispositivo, senza che questi abbia necessariamente hardware di ultima generazione, fino al 4K HDR a 60fps. La potenza di calcolo e di performance, infatti, sarà delegata alla piattaforma, permettendo all’utente di godere a pieno del gioco anche sul proprio smartphone. Chi, invece, avesse necessità di giocare su una tv, non dovrà far altro che connetterla a Chromecast e potrà divertirsi anche grazie al nuovo controller apposito di Stadia, che si connetterà direttamente alla sessione di gioco.

Connessione e costi

Notizie molto belle e accattivanti se si parla delle connessioni ultraveloci americane, ma come si comporterà Stadia con una connessione di media velocità come quella nostrana? Questo problema non sembra impensierire Google, che fa orecchie da mercante anche alle domande riguardanti i costi. Non è ancora chiaro, infatti, se per poter usufruire del servizio ci sarà un abbonamento in stile Netflix/Amazon Prime Video o se si dovrà acquistare il singolo gioco a cui sarà poi possibile giocare in Cloud. Domande non da poco, ma che verranno presto svelate da Big G. La data di lancio non è ancora certa, ma è sicuro avverrà entro la fine del 2019. Non resta che aspettare fiduciosi e vedere come si muoveranno le case di PlayStation e Xbox a questo grande annuncio.