Greta Thunberg
Greta Thunberg
adv

Greta Thunberg, ragazza di appena sedici anni proveniente dalla penisola scandinava, è stata proposta per il suo impegno per l’ambiente.

Greta Thunberg

Il 20 agosto del 2018, Greta Thunberg iniziò la sua protesta decidendo di non presentarsi a scuola fino al successivo 9 settembre, chiedendo al governo di adottare misure più incisive per la salvaguardia dell’ambiente. Il 9 settembre non fu scelto a caso: quello stesso giorno, infatti, cadevano le elezioni politiche, ed esattamente alla propria classe politica la Thunberg chiedeva un impegno maggiore.

Lo sciopero

Ma la ragazza non ne approfittava certo per rimanere chiusa in casa. Dal 20 agosto al 9 settembre 2018, ogni giorno, Greta andava a manifestare armata di cartelli sotto il palazzo del Parlamento svedese di Stoccolma che recitavano “Skolstrejk för klimatet” (letteralmente “Sciopero per il clima”). Dopo le elezioni, la Thunberg continuò ad andare sotto la sede ogni venerdì, sacrificando un giorno di scuola in nome di quello che per lei era un bene più ampio.

La proposta

L’idea di rendere una giovane ragazza la vincitrice di un premio che non ha certo bisogno di spiegazioni è stata di un gruppo di parlamentari norvegesi, che hanno deciso di proporre Greta per il suo impegno costante e la sua giovane età in un tema che dev’essere trattato in maniera molto più importante.Le parole di Andrè Ovstegard, deputato norvegese, sono state le seguenti: “Abbiamo indicato Greta perché la minaccia del clima è probabilmente una delle principali cause di guerre e conflitti. Il movimento di massa che Greta ha innescato è un contributo molto importante per la pace.”

La figura di Greta Thunberg

L’impegno della ragazza non si limita solo allo sciopero studentesco, di cui un altro è stato indetto per domani 15 marzo 2019, ma alla partecipazione e agli interventi in numerose conferenze ed assemblee, come il TEDxStockholm, la COP24, ed agli incontri della World Economic Forum in Svizzera, precisamente a Davos, dove ha accusato le grandi aziende ed i politici di essere consapevoli dei danni che stanno causando all’intero ecosistema terrestre.