HTC U12 Plus
adv

Lo scorso anno ci eravamo lasciati con un top di gamma quasi perfetto. Quest’anno la casa taiwanese prova a migliorare il precedente modello con questo HTC U12 Plus, uno smartphone che ha tutte le carte in tavola per diventare uno dei migliori del 2018.

Andando a limare tutte le mancanze del precedente modello e senza uniformarsi alla moda del notch, HTC U12 Plus vanta una scheda tecnica da vero top di gamma. Delle criticità ci sono, a partire dal Jack da 3,5 mm per arrivare al display “solo” Super LCD e non AMOLED, ma non ci sentiamo di etichettarli come sbagli, piuttosto come scelte.

Il Jack da 3,5 mm sta scomparendo da quasi ogni smartphone, ed è giusto lasciare spazio a nuovi ingressi digitali, eliminando quelli datati come appunto il Jack. Lo stesso passaggio traumatico lo si è vissuto col passaggio da Compact Disc e DVD a USB come memorie di archiviazione, col senno di poi però è stata un’evoluzione più che gradita.

È invece apprezzata da molti utenti la scelta di HTC di non utilizzare uno schermo con curvatura 3D o 2.5D. Questa ultima tipologia è molto gradevole esteticamente ma rende il telefono leggermente più scivoloso e difficile da impugnare, restituendo il tipico effetto “saponetta”, così chiamato fin dall’uscita di iPhone 6. 

Display HTC U12+

HTC sceglie di non adattarsi alle mode del momento e dunque niente “Notch” sul nuovo HTC U 12+. La qualità del display è indiscutibile, anche se HTC ha scelto di adottare un pannello LCD, al posto di un AMOLED, andando in netta controtendenza rispetto alla diretta concorrenza. Si tratta di un’ottima unità Super LCD di sesta generazione, con risoluzione 1440 x 2880 pixel e densità di 537 ppi. Lo schermo ha una diagonale di 6 pollici, ottenuti grazie a bordi più sottili rispetto a quelli del modello U 11+. Il vetro è di tipo Gorilla Glass 5; come su tutti i più diretti competitors il rapporto d’aspetto dello schermo è il canonico 18:9.

Lo smartphone ha inoltre la certificazione IP 68, che vuol dire resistenza ad acqua e polvere. Sulla scocca posteriore è presente il doppio modulo fotocamera ed il sensore per lo sblocco tramite riconoscimento delle impronte digitali. È inoltre presente la funzione di sblocco mediante riconoscimento facciale.

Design HTC U12+

Il nuovo HTC U12 Plus mantiene il design fondamentale degli smartphone prodotti dall’azienda di Taiwan, pur aggiornandolo in numerosi aspetti. Iniziamo dalle dimensioni che sono generose, seppur leggermente contenute rispetto al modello dello scorso anno: 156.6 x 73.9 x 8.7 mm, per un peso complessivo di 188 g. Non si tratta dunque di uno smartphone leggerissimo, ma l’ergonomia è nel contempo ottima ed il cellulare è stabile alla presa. Il telefono è quasi interamente in vetro, mentre il metallo è usato esclusivamente per rafforzare i bordi, in caso di cadute accidentali. Alcune gesture, di cui parleremo in seguito, consentono inoltre l’uso del device con una sola mano. Una novità interessante è il vetro trasparente usato per la scocca posteriore (nel caso della colorazione in blu), che rende parzialmente visibili le componenti interne dello smartphone.

Scheda tecnica

  • Display: 6” Super LCD 6 in formato 18:9. Supporto HDR10.
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 845
  • GPU: Adreno 630
  • Batteria: 3.500 mAh con ricarica Quick Charge 3.0
  • Fotocamere anteriori: Entrambe8 Megapixel f/2.0, grandangolo di 84°
  • Fotocamere posteriori: 12 megapixel f/1.75 con Stabilizzatore Ottico OIS, autofocus laser e possibilità di registrare video in 4k a 60 FPS + 16 Megapixel f/2.6 Telephoto
  • Dimensioni e peso: 156,6 x 73,9 x 8,7 mm
  • Sistema Operativo: Android 8.0 Oreo
  • RAM e Memoria interna: 6/64 espandibile con microSD fino a 2 TB
  • Colori disponibili: Titanium Black, Translucent Blue e Flame Red

HTC U12 Plus: tanta sostanza, quattro fotocamere e nessun notch

Caratteristiche tecniche e particolarità

L’HTC U12 Plus si presenta come un concentrato di tecnologia. I bordi dello smartphone sono ancora sensibili alla pressione, portando attraverso un’implementazione software delle gestures attraverso un’energica stretta dello smartphone, che HTC chiama Squeeze.

La tecnologia in questione è l’Edge Sense 2,che permette di richiamare applicazioni come la fotocamera o l’assistente Google premendo i bordi dello Smartphone.

Molte altre tecnologie proprietarie sono state utilizzate per dare a questo smartphone una marcia in più; menzioniamo, quindi, per il comparto fotografico l’Ultraspeed Autofocus 2, nonché l’HDR Boost 2.

Il primo dovrebbe fornire un autofocus molto rapido sfruttando il PDAF e la messa a fuoco laser contemporaneamente. Il secondo dovrebbe invece sfruttare un algoritmo ottimizzato per scattare foto più nitide e contrastate in situazioni di illuminazione difficile, sfruttando entrambe le fotocamere.

Non è solo il comparto fotografico a beneficiare di queste innovazioni.

Audio HTC U12+

HTC U 12 Plus, esattamente come il suo predecessore, non include un jack audio da 3.5 mm per le cuffie. Gli auricolari presenti nella confezione, gli Usonic USB-C, sono però di ottima qualità e garantiscono inoltre la riduzione attiva del rumore esterno. L’audio dello smartphone resta invece ai vertici assoluti della categoria dei top di gamma, con la riconferma del doppio altoparlante stereo Boomsound Hi-Fi, che si preannuncia ulteriormente potenziato.Grazie agli Speaker Stereo BoomSound di HTC la qualità audio dovrebbe, infatti, rappresentare un livello di riferimento per gli altri brand. Il suono stereo sarà particolarmente interessante perché affiancato alla tecnologia Sonic Zoom presente nei video registrati da U12 Plus.Grazie ai vari microfoni e alla capacità di catturare il suono in modo spaziale, isolando anche le tracce audio che ci interessano, potremo semplicemente zoomare con due dita in un punto e lo smartphone farà tutto autonomamente.

Altrettanto interessante e visivamente spettacolare è la funzione Auto Zoom One-Touch che permette di eseguire uno zoom fluido e cinematico in un punto a scelta dell’inquadratura premendoci semplicemente con un dito.

Avevamo precedentemente visto una funzione simile su LG V30 e ne eravamo rimasti molto colpiti. Il connubio di questa tecnologia di zoom con l’effetto audio di amplificazione del suono proveniente dalla fonte zoomata sarà sicuramente di grande impatto.

Chiudono la lista la gradita presenza degli auricolari Usonic con cancellazione attiva del rumore in confezione, la certificazione di impermeabilità e resistenza a polvere IP68 e la compatibilità del display con il profilo colore DCI-P3.

HTC U12 Plus: tanta sostanza, quattro fotocamere e nessun notch

Hardware HTC U12+

Le caratteristiche hardware di HTC U12 Plus sono da top di gamma assoluto, ad iniziare dal processore che è il potente Qualcomm Snapdragon 845, un octa-core fino a 2,8 GHz, accompagnato dalla scheda grafica Andreno 630. Sono inoltre presenti ben 6 GB di memoria RAM, che permetteranno un funzionamento fluido e scattante dello smartphone in ogni situazione ed anche nel multitasking più spinto. Notevole anche lo spazio di archiviazione interna: la memoria ROM è da 128 GB, ulteriormente espandibile, fino ad un massimo di 2 TB, mediante utilizzo di scheda di memoria esterna di tipo MicroSD. Manca però uno slot dedicato alla microSD, dunque essa troverebbe alloggio nello slot dedicato alla seconda Sim.

Fotocamera HTC U12+

Miglioramenti sostanziosi anche per quanto riguarda il comparto fotografico del top di gamma dell’azienda taiwanese: HTC U12 Plus ingloba ben 4 fotocamere, due posteriori e due anteriori. Il doppio modulo fotocamera posteriore si compone di un sensore grandangolare da 12 Mpx, con apertura f/1.75, stabilizzazione ottica e pixel particolarmente grandi da 1.4µm, in grado di catturare molta più luce. Il secondo sensore posteriore è invece un teleobiettivo da 16 Mpx, con apertura f/2.6, capace di zoom ottici fino a 2x e zoom digitali ben più spinti, fino a 10x. Il secondo sensore lavorerebbe inoltre in sinergia col primo per migliorare l’effetto Bokeh delle foto.

Migliorata rispetto al passato anche la rapidità di messa a fuoco e la resa dell’algoritmo dedicato alle foto HDR. È presente un doppio flash led, per aiutare negli scatti in notturna, ed è inoltre possibile registrare video in altissima risoluzione, fino a 4K a 60 fps; è presente la stabilizzazione video, l’autofocus laser e la registrazione stereo.

I sensori frontali hanno invece risoluzione di 8 Mpx ed apertura di f/2.0. I video registrati con le fotocamere frontali raggiungono la risoluzione FullHD a 30 fps.

Software HTC U12+

Il software di HTC U12+ sarà basato su Android Oreo 8.0, con le consuete personalizzazioni della HTC Sense ed alcune novità. La Edge Sense difatti, nella nuova versione, consente il restringimento dello schermo dello smartphone per permetterne l’uso con una sola mano ed è inoltre completamente personalizzabile. Sarà possibile decidere, ad esempio, quale app o scorciatoia avviare con il movimento della “strizzata” della scocca, funzione ereditata dal predecessore HTC U 11+ ed ulteriormente implementata.

Autonomia HTC U12+

La batteria presente sul nuovo smartphone HTC ha una capacità di 3500 mAh, che dovrebbe garantire una giornata piena di utilizzo dello smartphone, anche con uso intenso. Desta qualche disappunto l’assenza della funzione di ricarica wireless, ma HTC ci ha tenuto a precisare che si tratta di una scelta consapevole e volta a contenere le dimensioni dello smartphone, soprattutto per quanto riguarda lo spessore. È ovviamente presente invece la ricarica rapida.

Prezzo 

L’HTC U12 Plus sarà disponibile a 799 euro, mantenendo il prezzo di lancio del precedente modello. Qualora foste membri dell’HTC Club, avrete diritto a uno sconto del 10% sul prezzo di lancio, pagando circa 720 euro.

Il prezzo è sempre stato il tallone d’Achille di HTC, assieme alla sua disponibilità. Di solito gli smartphone della casa taiwanese si svalutano molto lentamente e sono abbastanza difficili da trovare. Un plauso va fatto comunque ad HTC per aver mantenuto un prezzo in linea con gli ultimi top di gamma, se non leggermente inferiore ad alcuni competitor più costosi, senza rinunciare a nessun componente Top.

 

Andrea Nastro e Giuseppe Esposito