huawei p8 nuovo aggiornamento
adv

Buone notizie in arrivo per i possessori di Huawei P8; c’è già chi da poche ore ha potuto aggiornare il proprio smartphone con il nuovo B520!

E’ risaputo, la speranza è l’ultima a morire! Eppure per il Huawei P8 sembrava definitivamente accantonata l’idea di poter visualizzare, finalmente, la notifica di aggiornamento disponibile.

E’ trascorso molto tempo, forse troppo, dall’ultima notizia circa le ipotesi di aggiornamento per questo modello di telefono smartphone che risulta,  ormai, sorpassato solo in numeri e non per popolarità.

Perché il P8 ha ormai davanti a sé il 9, il 10 , il plus, il mate e chi più ne ha più ne metta; eppure, resta  ancora ed indiscutibilmente, un modello attivo ed estremamente attuale.

L’AGGIORNAMENTO PER HUAWEI P8

Potrà sembrare roba da poco conto per chi, appassionato di colori ed interfaccia grafica, si ritrova ad installare un aggiornamento incentrato fondamentalmente su concretezza e non esteticità. Ma per chi conta sull’essenza anziché sull’apparenza di uno smartphone, probabilmente meno bello ma sicuramente ancor prestante, questo inatteso aggiornamento non potrà che essere gradito.

COSA CAMBIA? VEDIAMO I DETTAGLI DEL B520

Oggi, 22 marzo 2018, Huawei ha evidenziato, dunque, il rilascio di un tanto importante quanto inaspettato aggiornamento per il P8; molti sono gli utenti ad aver già completato ed installato il download, ma cosa cambia nel dettaglio? Nessuna rivoluzione estetica, niente impatto grafico ma sicuramente tanta privacy e sicurezza.

HUAWEI P8 E SICUREZZA

La sicurezza è, infatti, il focus principale del nuovo aggiornamento per Huawei racchiuso nella significativa sigla B520. Il primo passo intrapreso e volto alla garanzia di una sicurezza decisamente più forte dell’antecedente è stato rappresentato dall’integrazione delle patch di Google.

Ulteriore mossa, tanto audace quanto interessante, è stata, inoltre, l’abdicazione e l’eliminazione del browser tipico Huawei in nome dell’affermato browser Chrome di Google.

La garanzia di privacy e sicurezza assicurata, dunque, dal team Huawei per la migliore, e soprattutto, tutelata esperienza dell’utente; evidenzia e sancisce, quindi, l’importanza di alcuni temi soprattutto alla luce della nuova ottica di privacy 2.0. che cestina ed elimina definitivamente anche i dati precedenti dell’utente su browser Huawei, ovviamente, eccetto i segnalibri.

La condivisione rapida dei pacchetti di installazione è stata anch’essa rimossa per assicurare un utilizzo dello smartphone ancor più legale; ma non è tutto…l’aggiornamento Huawei P8 è valido anche per l’ottimizzazione dell’icona dei temi, soprattutto, in relazione ad una superiore compatibilità con il sistema.

TIRANDO LE SOMME DEL NUOVO AGGIORNAMENTO

Dai primi riscontri registrati si è, dunque, potuta constatare un’importante svolta Huawei unicamente in termini di privacy e sicurezza; i balocchi ed i profumi tipici degli altisonanti aggiornamenti per i modelli più attuali sono ancora speranza inattesa per i possessori del caro P8, tuttavia, come recita un importante citazione tanto cara alla lingua italiana “ Eppur, si muove!” ed è già qualcosa, se non altro, un piccolo passo in avanti dopo un fin troppo lungo periodo di stasi.

Serena Giorgio è nata a Napoli nel 1986. Laureata alla Facoltà di Antropologia con 110 e lode e Giornalista Pubblicista regolarmente iscritta all’Ordine, vanta numerose collaborazioni con quotidiani, testate online ed emittenti televisive fondamentali per il panorama giornalistico partenopeo e campano. Scrittura, Video Editing, Letteratura ed Enogastronomia sono soltanto alcune delle sue intense passioni; vere e proprie storie d’amore che hanno rispecchiato a pieno la sua formazione, le sue specializzazioni e le sue attività lavorative. Autrice di numerosi testi e trattati circa la Storia della Musica e l’Antropologia dell’Alimentazione; Serena ha curato anche numerose attività di produzione e post produzione per importanti docu-fiction di carattere nazionale. Un saggio aforisma sostiene “Fai quello che ami e non lavorerai un solo giorno della tua vita”. Per sillogismo aristotelico, dunque, Serena non lavora... Serena ama.