Flotta Greyjoy
adv

In Il Trono di Spade, il potere marittimo è presente sin dall’inizio della lotta per il potere a Westeros. I Greyjoy ne sono l’esempio vivente

In tutte le otto stagioni della serie evento della HBO, Il Trono di Spade, il potere marittimo è spesso protagonista della scena.

Gli esempi più eclatanti sono: la Battaglia delle Acque Nere; lo scontro tra le flotte pro Lannister e pro Targaryen dell’ultima stagione. Chi controlla il mare ha la possibilità di dettare le regole del gioco, proprio come prevede la geopolitica moderna.

I veri signori dei mari sono i Lord delle Isole di Ferro, i Greyjoy.

I Greyjoy

I Greyjoy, il cui motto è Noi non seminiamo, hanno come simbolo araldico il mostro marino per eccellenza, il Kraken. Loro residenza è l’isola di Pyke.

Il Kraken, simbolo di Casa Greyjoy (Fonte Wikipedia)

Questa potente casata, prettamente marinara, risiede nelle Isole di Ferro, un arcipelago roccioso che si trova di fronte alle coste di Westeros. Le isole non sono ricche, se non di ferro: tutto il resto manca quasi del tutto.

Ciò ha obbligato i suoi abitanti a trovare di che sostentarsi tramite le razzie e la pirateria. Capacità nelle quali eccellono i Signori delle Isole di Ferro.

Da secoli, gli abitanti di questo arcipelago sono conosciuti come Uomini di Ferro, per le loro capacità combattive e per l’abbondanza di questo materiale nelle loro isole.

Le loro navi e i loro marinai sono i migliori del Continente Occidentale.

Membri della loro famiglia e il potere marittimo

Nel Trono di Spade, i membri della famiglia sono Balon (il capofamiglia), Theon e Yara (suoi figli), Euron (suo fratello).

Tutti vivono intensamente il rapporto con il mare e con la Divinità delle loro isole, il Dio Abissale. Verso la fine della serie tv assistiamo ad una frattura familiare: Yara e lo zio si scontrano per il potere.

Quando quest’ultimo vince, i due fratelli fuggono scegliendo di stare con Daenerys Targaryen mentre Euron si allea alla bella Cersei Lannister.

Quest’ultima cerca di sfruttare il potere marittimo dei Greyjoy per danneggiare l’avversario mentre Daenerys utilizza la loro flotta per trasportare le proprie truppe da Essos a Westeros.

Da tutto ciò si evince che il loro contributo è stato determinante fino alla fine. Il potere marittimo, in tutte le sue forme, è stato un fattore determinante allo sviluppo de Il Trono di Spade.

Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.