Mel Gibson
Mel Gibson
adv

Per il 16° appuntamento della rubrica “I protagonisti del cinema di ieri e di oggi”, vi parleremo di Mel Gibson

Per il 16° articolo della rubrica settimanale “I protagonisti del cinema di ieri e di oggi” del giornale online PSB Privacy e Sicurezza, vi parleremo di un attore e regista che dopo un periodo di appannamento è tornato in auge: Mel Gibson.

Apprezzato davanti allo schermo e dietro la macchina da presa, è stato però molto criticato per alcune sue esternazioni che hanno fatto molto discutere Hollywood.

Mel Gibson: biografia

Mel Colmcille Gerard Gibson (i suoi nomi sono collegati a dei santi irlandesi), nasce a Peekskill, nello stato di New York, il 3 gennaio del 1956. Sesto di dieci figli, all’età di 12 anni si trasferì con la propria famiglia in Australia ma non ha mai rinunciato alla cittadinanza statunitense in favore di quella australiana.

A 21 anni si diploma presso l’accademia di arte drammatica di Sydney (la NIDA), iniziando subito ad avere delle particine in serie televisive. Il successo cinematografico arriverà in tempi molti brevi.

Mel Gibson
Mel Gibson in una scena di Braveheart

Mel Gibson: filmografia

Dopo il suo film di debutto, Summer City – Un’estate di fuoco (1977), è selezionato dal regista George Miller per la fortunata serie di film su Mad Max (legati a un futuro non troppo lontano in cui le risorse naturali si sono quasi esaurite): Interceptor (Mad Max), Interceptor – Il guerriero della strada (Mad Max 2), Mad Max oltre la sfera del tuono.

Il successo definitivo, però, lo deve alle pellicole in cui interpreta il detective Martin Riggs in: Arma letale (Lethal Weapon), Arma letale 2 (Lethal Weapon 2), Arma letale 3 (Lethal Weapon 3), Arma letale 4 (Lethal Weapon 4).

Il punto più alto della sua carriera arriva, però, nel 1995 con Braveheart – Cuore impavido, dove interpreta William Wallace, un condottiero scozzese che si ribella contro l’occupazione della Scozia da parte dell’Inghilterra. Grazie a questo film di cui non è solo attore, ma anche regista, vince proprio l’Oscar in questa categoria nel 1996. Proprio la carriera da regista è molto apprezzata dai critici, infatti, firma opere molto apprezzate e che hanno fatto molto discutere: L’uomo senza volto (1993), La passione di Cristo (2004), Apocalypto (2006), La battaglia di Hacksaw Ridge (2016).

Tra le sue altre interpretazioni possiamo ricordare: Il Bounty (1984), Il patriota (2000), Signs (2002) e Mr Beaver (2011).

I problemi personali

Abbiamo già parlato in precedenza dei problemi che Mel Gibson ha avuto per via di alcune esternazioni, infatti, nel corso degli anni, è stato accusato di maltrattamenti, insulti a sfondo razzista e antisemiti. Tutto ciò è stato provocato anche dai problemi di alcol di cui l’attore ha sempre sofferto, ma che ora sembra aver risolto. Una dimostrazione sono i film La battaglia di Hacksaw Ridge e Il professore e il pazzo.