Sylvester Stallone
Sylvester Stallone
adv

Per il 22° appuntamento della rubrica “I protagonisti del cinema di ieri e di oggi”, vi parleremo di Sylvester Stallone

Per il 22° articolo della rubrica settimanale “I protagonisti del cinema di ieri e di oggi” del giornale online PSB Privacy e Sicurezza, vi parleremo di uno degli attori più amati dal pubblico di tutto il mondo: Sylvester Stallone.

In questi giorni lo possiamo vedere al cinema nei panni nuovamente dell’ex reduce del Vietnam John Rambo, nel film dal titolo: Rambo: Last Blood.

Sylvester Stallone: biografia

Sylvester Enzio Stallone nasce a New York il 6 luglio del 1946. La sua particolare conformazione facciale è dovuta a dei problemi durante il parto che gli causarono una lieve paresi del lato sinistro del volto. Pochi anni dopo i genitori divorziano e vive un’infanzia non particolarmente facile con una madre con problemi di alcolismo e con un padre molto severo. All’età di 15 anni si trasferisce a Philadelphia con la madre e i fratelli, qui incomincia a recitare e a giocare a football. I suoi tentativi di diventare attore non furono semplicissimi, lasciò la scuola di recitazione di Miami e tentò diversi casting poco fortunati a New York. Si trasferì a Los Angeles, dove riuscì a ottenere dei piccoli ruoli. Stallone è anche un grande appassionato di scrittura, abilità tale che gli permetterà di scrivere la sceneggiatura, nel 1976, di Rocky.

Sylvester Stallone: filmografia

Sylvester Stallone è conosciuto soprattutto per due saghe cinematografiche: quella di Rocky e quella di Rambo. Con Rocky ebbe il suo primo e più grande successo con il quale fu candidato all’Oscar nella categoria come miglior sceneggiatura originale e miglior attore protagonista e riuscì, la pellicola, a vincere la statuetta come miglior film, battendo grandi lungometraggi come Taxi Driver.

Ma come nasce l’dea? Sylvester Stallone, nella prima metà degli anni ’70, vive un periodo di difficoltà economica. Dopo, però, aver assistito all’incontro di boxe tra Muhammad Ali e un pugile semisconosciuto, Chuck Wepner, che riuscì a mettere in difficoltà il grande campione, ebbe l’idea della sceneggiatura per il film che gli cambiò la vita. La pellicola ebbe un trionfo clamoroso e portò Stallone a proseguire nella saga con altri lungometraggi, anche se non di uguale valore e successo: Rocky II (1979), Rocky III (1982), Rocky IV (1985), Rocky V (1990), Rocky Balboa (2006). Per niente stufo di questo grande personaggio, negli ultimi anni ha prodotto e recitato in Creed e Creed 2 gli spin-off della saga di Rocky, dove il leggendario pugile allena il figlio di Apollo Creed, suo storico rivale e amico.

Sylvester Stallone
Sylvester Stallone in una scena di Rocky

L’altro personaggio di grande successo è Rambo, un ex reduce del Vietnam che tenta di rifarsi una vita dopo gli orrori vissuti in guerra. Anche questo film ha avuto una popolarità clamorosa che porta l’attore a scrivere e recitare nelle successive pellicole della saga: Rambo 2, Rambo 3, John Rambo e Rambo: Last Blood.

Negli ultimi anni un grande riscontro di pubblico l’ha avuta anche la saga su I mercenari. Sono tanti, comunque, gli altri film in cui ha avuto un buon successo, come: I falchi della notte, Fuga per la vittoria, Cobra, Over the Top, Cliffhanger, Cop Land e molti altri.

Non solo un attore, ma anche sceneggiatore, regista e produttore, come nel caso di Staying Alive, film interpretato da John Travolta.

Grandi successi ma anche momenti difficili

I suoi successi cinematografici si sono scontrati con alcune difficoltà che sembrano insormontabili, come la perdita del figlio Sage a 36 anni. Nonostante ciò, ha continuato la sua carriera con i film su I mercenari e Creed, raggiungendo, con questo ultimo, il più grande successo personale come interprete vincendo il Golden Globe come miglior attore non protagonista.

La sua vita si può riassumere con una frase tratta dal film Rocky Balboa: “Né io, né tu, nessuno può colpire duro come fa la vita, perciò andando avanti non è importante come colpisci, l’importante è come sai resistere ai colpi, come incassi e se finisci al tappeto hai la forza di rialzarti… così sei un vincente!

 

Avatar
Nato a Napoli nel 1983, Francesco De Fazio consegue, con lode, la laurea magistrale nel 2012 in “Comunicazione pubblica e d’impresa” presso l'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli e nel 2013, presso lo stesso ateneo, si specializza come “Esperto nell’orientamento scolastico, universitario e professionale”. Nel 2011 ha svolto un tirocinio presso l’Ufficio stampa del Provveditorato alla Opere Pubbliche Campania e Molise, ma la passione del giornalismo continua nel corso degli anni continuando a scrivere per vari giornali online. L’esperienza più significata inizia nel giugno 2012 dove lavora presso il Servizio di Orientamento e Tutorato del Suor Orsola Benincasa. In qualità di Consulente all’Orientamento ha svolto attività di: consulenza e colloqui di orientamento didattico e professionale, promozione di Ateneo, gestione social network, tutor d’aula.