Il Cinematografo: Festival di Cannes, prima parte
adv

La prima tranche del festival di Cannes 2019 è andata: vediamo quali sono stati i momenti topici, da Elton John ad Alain Delon

 

L’evento cinematografico più atteso della primavera ha avuto inizio il 14 maggio scorso: Cannes, con la sua parata di stelle e di film presentati in anteprima, ha attirato su di sé le attenzioni di tutto il mondo dello spettacolo, come solo i grandi eventi sanno fare. Vediamo, allora quali sono stati i momenti migliori di questa prima parte di manifestazione e diamo uno sguardo a ciò che ci aspetta da qui alla chiusura.

Jim Jarmush, Elton John, Alain Delon

Se dovessimo riassumere in poche parole quanto visto durante questi primi giorni di festival questi sarebbero, senza ombra di dubbio, i tre nomi che meglio descriverebbero i momenti che hanno catalizzato l’attenzione dei media e del pubblico. Jim Jarmush ha dato il via alle danze con il suo attesissimo The dead don’t die, zombie movie tutto da ridere con un cast stellare, da Adam Driver a Tilda Swinton, da Chloe Sevigny a Bill Murray. Tanto atteso quanto, in realtà, deludente: il film ha infatti sì strappato qualche risata ma, di fatto, non ha entusiasmato i presenti come ci si sarebbe aspettato. Ben altra accoglienza quella riservata a sir Elton John, celebrato dalle sue canzoni durante il passaggio sul red carpet insieme al cast di Rocketman, il film sulla sua vita. Il biopic si propone di bissare il successo di Bohemian Rhapsody: difficile dire se ci riuscirà (la figura di Freddy Mercury, mediaticamente, ha un peso ben diverso) ma sicuramente positiva è stata la reazione del pubblico in sala. Elton John ha poi animato un party duettando insieme al suo alter-ego, Taron Egerton. Non sarebbe un evento mondano, però, se mancassero le polemiche: ad assicurarne la giusta dose c’è stato Alain Delon, al quale secondo buona parte dell’opinione pubblica non andrebbe assegnata la Palma alla carriera per via delle sue idee marcatamente maschiliste.

Cannes, cosa vedremo ancora?

Un nome solo: Quentin Tarantino. Il celebre regista statunitense presenterà il suo nuovo, attesissimo film C’era una volta a… Hollywood. Il film, ambientato durante il periodo di attività della temutissima Family di Charles Manson, vanta un cast di primissimo ordine, da Leonardo Di Caprio a Margot Robbie, passando per Brad Pitt, Al Pacino, Dakota Fanning, Michael Madsen e Tim Roth. Per il film c’è trepidante attesa come sempre accade per ogni nuova fatica di Tarantino, o forse anche di più: C’era una volta a… Hollywood, infatti, è il nono lungometraggio del regista e, se Tarantino terrà fede alle parole più volte pronunciate nel corso della sua carriera, dovrebbe essere anche il suo penultimo lavoro. La proiezione di quest’ultimo è, dunque, l’evento più atteso tra quelli che Cannes ha ancora da offrire, se non il più atteso dell’intera manifestazione. Non resta che aspettare le reazioni del pubblico e della sala ma, trattandosi di Tarantino, sarà molto difficile sentire pareri poco entusiasti.