Il Cinematografo: parliamo di X-Men: Dark Phoenix e del futuro dei mutanti
adv

X-Men: Dark Phoenix conclude la saga dei mutanti, cosa succederà ora? Analizziamo i futuri scenari

 

X-Men: Dark Phoenix è finalmente uscito nelle sale e va quindi a mettere la parola fine sulla saga dei mutanti portata avanti dalla Fox per gli ultimi 19 anni e ben 12 film, se contiamo anche gli spin-off su Wolverine e i due film su Deadpool. Soffermiamoci un secondo sul film e sull’accoglienza che sta riscontrando, per poi analizzare un attimo i possibili futuri della banda del dottor Xavier al cinema.

Incassi così così, piuttosto male la critica

Non parte malissimo al botteghino questo X-Men: Dark Phoenix, ma neanche fa sfracelli. Il film di Simon Kinberg si piazza infatti terzo al box-office casalingo, risultato discreto ma nulla più, ed incassa la assolutamente non straordinaria cifra di 286.881 dollari durante la giornata di debutto: non un risultato malvagio, ma neanche nulla di eclatante per un franchise di questi livelli, soprattutto considerando che stiamo parlando di un film pubblicizzatissimo e che vanta nel cast attori sulla cresta dell’onda (la campagna pubblicitaria ha puntato tantissimo sulla protagonista Sophie Turner, reduce dal recentissimo finale di Game of Thrones). Se sul fronte incassi il film regge botta, lo stesso non si può dire per quanto riguarda la critica: il film si attesta per ora su Rotten Tomatoes come l’episodio con il punteggio più basso di tutta la saga degli X-Men e, in generale, fan e critici sembrano tutt’altro che entusiasti di questo capitolo conclusivo.

X-Men: Dark Phoenix, e poi?

Il passaggio dei diritti sugli X-Men alla Marvel e, quindi, a Disney lascia inoltre i fan con un interrogativo importante: cosa ne sarà dei mutanti al cinema? La certezza, per ora, è una soltanto: gli X-Men saranno introdotti nel Marvel Cinematic Universe, è solo questione di decidere quando e come. Sicuramente il prossimo Spider-Man: Far From Home, introducendo il concetto di multiverso, getterà le basi per l’entrata in scena di Wolverine e soci. Difficile, però, che rivedremo i nostri eroi con i volti ai quali siamo abituati: un cambio della guardia è dietro l’angolo, soprattutto considerata l’insofferenza di alcuni a mantenere il ruolo (vedi Jennifer Lawrence). Disney, inoltre, ha già fatto sapere di voler continuare a produrre standalone R-rated su Deadpool, sfruttando sempre il popolarissimo volto di Ryan Reynolds. Il resto è ancora tutto da definire. Cosa resta, invece, a Fox? La casa produttrice dovrebbe puntare ora su Young Mutants, il film con Maisie Williams in programma già per il 2018 e poi spostato al 2020. In base all’eventuale successo del film la compagnia deciderà probabilmente il da farsi, e quindi se puntare su questo nuovo filone o abbandonare definitivamente il business dei supereroi Marvel. Ci sarà ancora da attendere per gli sviluppi: ora come ora non resta che fiondarsi in sala per godersi questo gran finale, soddisfacente o meno che sia.

Avatar
Nato a Napoli il 29/06/1993, la passione per la scrittura e per la tecnologia crescono in lui quasi pari passo: questa duplice natura lo porta a frequentare la facoltà di Ingegneria Chimica e contestualmente a coltivare le proprie velleità di scrittore. Comincia a collaborare con PSB nel giugno 2018, sperando di trovare in quest’esperienza il perfetto connubio di questi due animi.