La Danza dei Draghi nuovo spinoff de Il Trono di Spade
adv

Il secondo spinoff de Il Trono di Spada ci sarà e il copione della puntata pilota sarà curata George R. R. Martin. Tratterà della Danza dei Draghi

La seconda serie spinoff de Il Trono di Spada tratterà della più importante guerra civile mai combattuta nel Continente Occidentale: la Danza dei Draghi.

La HBO ha dato luce verde per la puntata pilota di questa serie, che siamo certi farà la storia del cinema. Il copione sarà realizzato da Ryan Condal e George R. R. Martin, proprio lo scrittore statunitense dal quale sono nate le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco.

La guerra della HBO

La decisione di far uscire già due serie tv spinoff de Il Trono di Spade ha molto senso se si osserva la competizione serrata che deve affrontare la HBO nei confronti di altre emittenti come Netflix e la futura Disney+. Il Trono di Spade ha avuto troppo successo per non sfruttare ancora la cosa.

La Danza dei Draghi rappresenta un’opportunità troppo ghiotta per non essere colta appieno.

Condal avrà il ruolo, in questa nuova avventura, di produttore esecutivo, showrunner e sceneggiatore mentre George R. R. Martin sarà produttore esecutivo per il resto della altre puntate.

I due si conoscono da molto tempo, anche perché Ryan Condal ha avuto un ruolo fondamentale nella serie fantascientifica Colony.

La Danza dei Draghi

Quando re Viserys I morì nel 129 CA (ovvero dopo la Conquista di Westeros da parte di Aegon I) si scatenò la guerra civile dei Targaryen per chi aveva diritto al Trono di Ferro: Rhaenyra in quanto primogenita, anche se donna), o Aegon in quanto maschio. Si formarono due fazioni contrapposte: i Neri per Rhaenyra I e i Verdi per Aegon II.

Il conflitto andò avanti dal 129 al 131 CA. Non vi diremo come si conclude la vicenda anche se potete leggerla in Fuoco e Sangue, ultima fatica letteraria di Martin. Una cosa, però, ve la dobbiamo assolutamente dire: in questa serie i draghi saranno molti perché entrambe le fazioni li utilizzeranno come armi di distruzione di massa e le battaglie saranno diverse e sanguinose.

Ci sarà anche lo spaventoso Vhagar, uno dei tre draghi che ha partecipato alla Conquista di Westeros.

Una serie da non perdere.

Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.