Industria 4.0
Industria 4.0
adv

Grazie ad un nuovo magnete sarà possibile potenziare l’archiviazione dei dati nei computer di nuova generazione. L’Industria 4.0 ne beneficerà

Di Industria 4.0 ne abbiamo parlato molto in questo ultimo periodo, ma cosa c’è dietro a questa serie di tecnologie così importanti per il nostro sviluppo industriale e aziendale (a tutti i livelli)?

La Quarta Rivoluzione Industriale si basa, essenzialmente, sul potenziamento dell’Intelligenza Artificiale e sulla capacità di archiviazione dei dati.

Grazie ad un nuovo magnete sarà possibile potenziare a dismisura questa fondamentale capacità.

La scoperta di un nuovo magnete

La New York University ha messo in campo un squadra di suoi fisici, di altissimo profilo, che è riuscita a scoprire una nuova tipologia di magnete, fino ad ora sconosciuto all’uomo.

Il magnete, conosciuto come singlet based magnet (in italiano magnete a base di singoletto), è stato individuato all’interno di un composto di antimonio e uranio, l’USb2.

La scoperta è stata di recente diffusa dai media e dall’Università. La rivista scientifica Nature Communications ha avuto la fortuna di poter pubblicare i risultati della ricerca.

Proprietà del magnete

Questo nuovo magnete ha l’incredibile capacità di poter mutare velocemente e agevolmente tra stati magnetizzati e non magnetizzati.

Grazie a questa scoperta, l’archiviazione dei dati nei nuovi pc di ultima generazione subirà un miglioramento esponenziale.

Gli elettroni nell’USb2 riescono a creare delle particelle molto particolari, gli eccitoni di rotazione. Così sviluppano un campo magnetico allineato quando questi ultimi si uniscono tra loro, il già citato singlet based magnet.

Diversi scienziati hanno tenuto a precisare che questa situazione, riscontrata in laboratorio, è possibile ricrearla al di fuori degli ambienti adibiti alle sperimentazioni.

L’Industria 4.0 e l’archiviazione dei dati

Le diverse branche, nella quale è suddivisa l’Industria 4.0, beneficeranno di tale scoperta. I big data, la realtà aumentata e virtuale, l’Internet delle Cose, la già citata Intelligenza Artificiale sono solo alcune delle tecnologie afferenti all’Industria 4.0.

Per saperne di più sull‘Industria 4.0 vi consigliamo questo interessante video.

 

Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.