Instagram abbandona le notifiche per gli screenshot alle storie
adv

Addio alle notifiche su Instagram in caso di screenshot? Non proprio, bisogna comunque prestare attenzione: scopriamone di più

Le storie su Instagram e l’introduzione di notifiche agli screenshot

La popolarità di Instagram è salita alle stelle con l’introduzione della nuova funzionalità delle storie, avvenuta nell’agosto 2016. Il popolare social ha difatti visto crescere in maniera esponenziale il proprio numero di utenti a partire da quella data. Già nello scorso novembre Instagram aveva doppiato i numeri di Snapchat, superando quota 300 milioni di utenti giornalieri.

Nel mese di febbraio 2018 è arrivata, però, una piccola doccia fredda per tutti coloro che utilizzavano assiduamente le storie. Instagram avvertiva infatti, tramite messaggio, che da quella data fare uno screenshot alla storia di un altro utente avrebbe comportato l’invio di una notifica a quest’ultimo. Questa funzione, al pari di quella delle storie, veniva mutuata da Snapchat, il principale competitor del popolare social di condivisione di foto. La funzione delle notifiche in caso di screenshot non è in realtà mai entrata pienamente a regime. Essa è stata applicata difatti solo su un campione di utenti, senza mai essere estesa definitivamente a tutti.

Screenshot alle storie su Instagram: notifiche e proteste degli utenti

Nonostante l’attenzione alla tutela della privacy debba necessariamente essere tenuta altissima, soprattutto in tempi di GDPR, questa scelta era sembrata sproporzionata alla maggior parte degli utenti e aveva sollevato un vespaio di polemiche. Già dal giorno successivo la rete era stata invasa da suggerimenti su come ovviare al problema. La soluzione più semplice, appariva sicuramente quella di scattare una foto alla storia usando un secondo smartphone: operazione piuttosto macchinosa, ma nel contempo semplice e alla portata di tutti.

Screenshot alle storie e notifiche: la marcia indietro di Instagram

Negli ultimi giorni sembra, però, che il team di Instagram abbia fatto marcia indietro e sia tornato su quella decisione che tanto aveva fatto discutere. Anticipata già nello scorso maggio, risale difatti a pochi giorni fa la conferma ufficiale che il team di Instagram non stia più lavorando a questa funzionalità, lasciando chiunque libero di effettuare uno screenshot alla storia di un altro utente. Il meccanismo delle notifiche nel caso di screenshot è stato dunque completamente abolito su Instagram? Non è proprio così: il meccanismo delle notifiche è stato mantenuto in un altro ambito molto importante e di largo uso, cioè quello della messaggistica privata. Facciamo un po’ di chiarezza a riguardo.

Screenshot di foto e video su Instagram

Iniziamo dal caso in cui vengano effettuati screenshot a foto o video pubblicati dagli utenti sulla propria pagina. In questo caso, nessuna notifica sarà inviata agli utenti i cui contenuti saranno stati salvati con uno screenshot. Attenzione però: se da un lato questo deresponsabilizza l’uso del social e lo rende maggiormente appetibile a quella fascia di utenti più curiosoni, d’altro canto non esime gli stessi dall’usarlo in maniera rispettosa delle norme sulla privacy. Un eventuale uso scorretto dei materiali acquisiti potrebbe difatti avere ricadute pesanti, anche di tipo penale, per l’utente irrispettoso della privacy altrui.

Istagram notifiche screenshot storie

Screenshot delle storie su Instagram

Come abbiamo già spiegato sopra, disco verde anche agli screenshot effettuati alle storie; nessuna notifica sarà più inviata all’utente “screenshottato”. Anche in questo caso valgono le raccomandazioni già effettuate su un uso del social responsabile e rispettoso delle norme sulla privacy. Passiamo adesso ad analizzare la funzionalità della messaggistica privata, che è quella in cui è stato mantenuto il sistema delle notifiche in alcuni casi di screenshot dei contenuti pubblicati.

Screenshot ai contenuti direct su Instagram

Cosa sono i contenuti direct? Semplice: si tratta di tutti i contenuti che gli utenti si scambiano sotto forma di messaggistica privata. Su Instagram è difatti possibile scambiare foto e video anche in modalità privata, senza che questi contenuti siano visibili agli altri utenti. Vi è la possibilità di scegliere se queste foto e video debbano rimanere permanentemente inseriti nella conversazione privata o se, viceversa, debbano automaticamente sparire dopo 24 ore dal loro inserimento.

Qui bisogna fare molta attenzione: l’invio di contenuti “a tempo” non è esente dal meccanismo delle notifiche. Questo è stato difatti mantenuto nel caso in cui un utente dovesse effettuare uno screenshot a foto o video, mandati come contenuto a tempo nella chat privata. Viene notificato, inoltre, a chi ha caricato il contenuto a tempo, anche se questo è stato ricevuto o visualizzato. Questo allo scopo di evitare un uso improprio dei materiali inviati in forma privata e cercare di prevenire casi di violazioni della privacy e cyberbullismo, purtroppo spesso ancora agli onori della cronaca.