Instagram
adv

Una nuova funzione di Instagram in uscita per cercare di combattere il fenomeno del cyberbullismo e proteggere le vittime

 

Un tema sempre delicato e attuale quello della lotta al cyberbullismo. Le misure da parte dei social stanno diventando sempre più restrittive e quotidianamente si sente parlare di nuovi miglioramenti e funzionalità che permettano di arginare il fenomeno, almeno in parte. Ed è proprio Instagram, azienda di proprietà di Facebook, ad aver lanciato una nuova funzione che sembra promettere risultati soddisfacenti.

 

Funzioni di blocco

Una funzione anti bullismo

Si chiamerà Restrictil nuovo aggiornamento della piattaforma social più amata degli ultimi anni, che permetterà di contenere i danni del cyberbullismo. Pensato per avere una duplice funzione, ossia proteggere le vittime e far riflettere i “molestatori”, Restrict è attualmente in fase di testing. La prima funzionalità sarà quella di chiedere all’utente, che sta scrivendo un commento di natura offensiva, di dare conferma sulla vera intenzione di renderlo pubblico.  Con tale richiesta, il social cercherà di sensibilizzare l’utente, tentando di incoraggiarlo a modificare il suo post, utilizzando magari “toni” differenti. La seconda funzione mira invece a proteggere le vittime, ossia chi sta dall’altra parte e subisce quotidianamente attacchi gratuiti e infondati. Saranno infatti oscurati, nei post di queste ultime, tutti i commenti che possono risultare ingiuriosi, provocatori e offensivi. Questi saranno visibili solo ed esclusivamente da chi li ha pubblicati.

 

Le parole di Mosseri

Per annunciare l’arrivo in casa Instagram di questa funzionalità, si è espresso Adam Mosseri, capo dell’azienda. Possiamo fare molto di più per prevenire che il bullismo avvenga su Instagram, anche per responsabilizzare le vittime di bullismo per difendersi da sole. Oggi annunciamo una nuova funzionalità che riguardano entrambe le parti. Questi strumenti sono fondati su una profonda comprensione di come le persone bullizzano e come altre rispondono al bullismo su Instagram, ma sono solo due passaggi di un percorso più lungo”. Queste le sue parole.