Il karaoke non sarà più lo stesso grazie all'Intelligenza Artificiale
Il karaoke non sarà più lo stesso grazie all'Intelligenza Artificiale
adv

L’Intelligenza Artificiale è, oramai, utilizzata in tutti i settori e campi della nostra vita. Ora, anche per il karaoke

Quante volte abbiamo cantato (stonando) con il karaoke? Con un nuovo software americano e grazie all’Intelligenza Artificiale (IA) tutto questo non sarà più possibile.

La ricerca per un karaoke migliore

Un gruppo di ricerca dellIndiana University Bloomington, nello stato dell’Indiana (USA), ha realizzato il software, ancora in fase di sperimentazione. La notizia è stata diffusa dagli stessi ricercatori sul sito Arxiv.org.

L’Intelligenza Artificiale, in questo caso specifico, opera muovendo il tono di ogni nota musicale che noi cantiamo, al fine di adeguarla maggiormente con il brano che stiamo seguendo.

Con l'IA cantare sarà, presto, molto diverso
Con l’IA cantare sarà, presto, molto diverso

In maniera molto naturale, la voce del cantante di turno viene adeguata a come è stata eseguita la canzone originaria. La nostra canzone verrà resa il più possibile simile all’esecuzione reale.

Come se ci avvicinassimo all’esecuzione del nostro cantante preferito.

Il software è stato allenato

Per arrivare a tanto è stato necessario “istruire” l’intelligenza artificiale che opera dietro al software. Come? Utilizzando quasi 5000 registrazioni vocali amatoriali, tratti dalla piattaforma online di karaoke Smule.

Il gruppo universitario di ricerca ha scelto 500 canzoni che sono state svolte prima correttamente per poi essere eseguite in maniera maldestra.

L’IA ha imparato a intuire la dose con la quale ogni singola nota vocale doveva essere sistemata per seguire l’arrangiamento musicale.

Attualmente, il software è applicato per esecuzioni già avvenuta non in corso d’opera per via del fatto che l’Intelligenza Artificiale funziona rispetto a ciò che l’interprete sta cantando qualche istante prima.

Come cambierà il karaoke grazie all’Intelligenza Artificiale?

Il karaoke, quando il software sarà commercializzato, avrà un notevole impatto nel mondo del karaoke.

Diventerà ancora più divertente, infatti, provare con i nostri amici a cantare visto che le nostre performance canore risulteranno sempre di più simili a quelle dei nostri cantautori preferiti.

 

Avatar
Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.