Ipotesi lista unica: Forza Italia dice no a Salvini
adv

Il partito di Silvio Berlusconi non sembra approvare l’ipotesi di creare un listone unico del centrodestra in vista di eventuali elezioni

 

Prove tecniche di elezioni: con la situazione ancora incerta i vari schieramenti politici stanno ovviamente cominciando a fare ipotesi sul da farsi nel caso, per nulla improbabile, che si debba tornare alle urne entro la fine dell’anno.

Sul fronte centro-destra è cosa praticamente ovvia l’alleanza tra la Lega di Matteo Salvini e Fratelli D’Italia di Giorgia Meloni, con i due partiti che hanno più volte ventilato l’idea di creare un listone unico che faccia capo all’ex-partito di Umberto Bossi. Qualcuno, però, non sembra approvare l’idea.

Berlusconi e l’identità di Forza Italia

Silvio Berlusconi non vuole che il suo partito venga inghiottito da una mega-lista che comprenda tutti i movimenti di destra che si presenterebbero a delle prossime elezioni: all’ex-premier dovrebbe star bene un’alleanza con Salvini, ma la conditio sine qua non è che Forza Italia mantenga la propria identità e non vada a fondersi del tutto con chi, ormai, fa ben altri numeri del partito del Cavaliere.

Le posizioni di Berlusconi sono state chiaramente espresse in una nota ufficiale diramata dal coordinamento del partito, nella quale si parla dell’importanza della storia e del simbolo del movimento politico fondato nel lontano 1994. Tutto ciò è scaturito dalla riunione tenutasi oggi a palazzo Grazioli a cui hanno partecipato il vicepresidente del partito, Antonio Tajani, Gianni Letta e Niccolò Ghedini, oltre ovviamente allo stesso Silvio Berlusconi.

La paura, dalle parti di Forza Italia, è che PD e Movimento Cinque Stelle possano finalmente decidere di collaborare allo scopo di metter su un governo che prevederebbe Beppe Grillo come successore di Sergio Mattarella al Quirinale. Un timore non si sa quanto fondato che però mette sicuramente pressione al centro-destra, rendendo ancor più urgente la necessità di trovare una quadra al sistema di alleanze.

Salvini e Berlusconi, a quando il faccia a faccia?

Sarà indispensabile a questo punto un incontro chiarificatore tra Matteo Salvini e Silvio Berlusconi: al momento, però, non ci sono ancora indicazioni su quando il faccia a faccia potrà avvenire.

Ciò che è certo è che ad oggi da parte dell’attuale Ministro dell’Interno l’unica proposta giunta è quella del famoso listone, idea che ha di fatto causato un netto irrigidimento delle posizioni di Berlusconi nei confronti del suo ex(?)-alleato.

Berlusconi non può comunque ignorare il continuo stringersi dei rapporti tra Salvini e Toti, che potrebbe portare ad un’alleanza tra Lega e dissidenti di Forza Italia con successiva esclusione del partito del Cavaliere dai giochi. Probabile, allora, che dopo un primo momento di gelo i due si siederanno a un tavolo per trovare un accordo che soddisfi entrambi.