Italia Olanda
L'Italia è fuori dai mondiali
adv

Terminata la gara dei quarti di finale tra Italia e Olanda: sconfitta per le azzurre e termina il sogno mondiale

Dallo Stade de Hainault di Valenciennes è andata in scena la sfida tra Italia e Olanda, partita dei quarti di finale dei mondiali di calcio femminili.

Dopo la convincente vittoria contro la Cina, le azzurre si arrendono contro le olandesi: 0-2 il risultato finale.

Italia-Olanda: primo tempo

Inizio di partita a tinte arancioni, ma la prima conclusione è di Guagni al 6°. La palla, però, va alta sopra la traversa.

Incredibile occasione dell’Italia al 18°, dopo una bella sponda di testa di Bonansea, Bergamaschi è indecisa su come colpire il pallone, ne esce un tiro debole che non impensierisce Van Veenendaal. Grande occasione sciupata dall’Italia.

Al 28° arriva la prima conclusione in porta dell’Olanda con Miedema, ma il tiro è debole e centrale, nessun problema per Giuliani.

Fa molto caldo e l’arbitro concede, al 30°, il cooling break. Occasione per le giocatrici di rinfrescarsi e combattere il clima torrido.

Al 35° prima vera occasione della partita, Bergamaschi serve bene in area Giacinti che con il destro manda il pallone fuori di poco.

Al 40° fallo di Linari su Miedema dal limite dell’area, grande occasione per l’Olanda con una punizione da ottima posizione. Sul pallone va Spitse, ma spreca con un tiro lento e centrale.

Dopo 5 minuti di recupero termina un primo tempo non entusiasmante condizionato dal caldo eccessivo. 0-0 il risultato parziale.

Italia-Olanda: secondo tempo

Inizia bene l’Olanda, Miedema viene lasciata da sola in area e colpisce di testa dopo un bel cross di Van de Sanden, ma prende male il pallone e non c’entra la porta. Passano pochi minuti ed è Martens a rendersi pericolosa con un tiro dall’intero dell’area di rigore, ma Giuliani non si fa sorprendere.

L’Italia è in palese difficoltà e per ben due volte è dovuta intervenire il capitano Gama per risolvere la situazione in difesa. Martens è una spina sul fianco delle azzurre, per fortuna, al 55°, la sua conclusione, ancora una volta, non è pericolosa.

L’Olanda va sempre più vicino al gol, dopo un calcio d’angolo al 57° è Van de Donk, con un bel tiro dal limite dell’area, a colpire la traversa.

Al 62° punizione per le oranje, la posizione non sembra favorevole ma Spitse tira un bolide che sfiora il palo.

Arriva, inevitabilmente, il gol dell’Olanda al 69° con Miedema che colpisce di testa su un cross da calcio di punizione sulla trequarti. Per l’attaccante olandese è il suo 61° gol in nazionale, a soli 23 anni.

Al 79°, ancora su calcio di punizione, le olandesi sfruttano la loro altezza e si portano sul 2 a 0. Questa volta è Van der Gragt di testa a segnare

L’Olanda attacca ancora ed è Miedema ad andare vicino al terzo gol olandese, ma questa volta Giuliani devia il pallone in calcio d’angolo.

All’82 c’è, finalmente, la reazione dell’Italia con Sabatino, ma il suo tiro è deviato dal portiere olandese.

Termina la partita, dominio dell’Olanda in questo secondo tempo e meritatamente accede alla semifinale. Le oranje si impongono per 2 a 0 e il sogno dell’Italia si infrange ai quarti.

Il tabellino

ITALIA (4-3-3): Giuliani; Guagni, Gama, Linari, Bartoli (46° Boattin); Galli, Giugliano, Cernoia; Bergamaschi (74°Serturini), Giacinti, Bonansea (53° Sabatino). Ct: Bertolini

OLANDA (4-3-3): Van Veenendaal; Van Lunteren, Van der Gragt (86° Dekker), Bloodworth, Van Dongen; Groenen, Van de Donk, Spitse; Van de Sanden (55°Beerensteyn), Miedema (86° Roord) , Martens. Ct: Wiegman

MARCATRICI: Miedema 69°, Van der Gragt 79°.

AMMONITE: Linari 40°, Guagni 66°, Cernoia 72°, Sabatino 78°.