Michael Jordan contro Kobe Bryant (Fonte Flickr)
adv

Il grande campione della NBA, Kobe Bryant, recentemente scomparso entrerà nella Hall of Fame del basket americano nel 2021

Rinviata al 2021, causa pandemia da Covid-19, la cerimonia per omaggiare il celebre cestista statunitense Kobe Bean Bryant, che doveva tenersi ad agosto di questo anno. 

Doveva entrare, anche se post mortem, nella Hall of Fame della NBA (National Basketball Association). 

La tragica scomparsa di Kobe Bryant

La sua morte, come la sua intera vita, è stata fuori dal comune. Deceduto a Calabasas (Los Angeles), il 26 gennaio 2020, a 41 anni a causa di un gravissimo incidente aereo, con Kobe sono decedute altre otto persone, tra le quali una delle sue figlie, Gianna, di soli 13 anni. 

Stava accompagnando sua figlia, una promettente giocatrice di basket, ad una partita. 

Evento rinviato 

L’ascesa all’Olimpo della NBA sarebbe dovuta avvenire al Naismith Basketball Hall of Fame, Massachusetts, il 29 agosto del 2020. A causa della situazione venutasi a creare con il propagarsi del Coronavirus, è stato ritenuto opportuno rinviare l’evento “nel primo trimestre del prossimo anno“, come ha tenuto a precisare Jerry Colangelo, Presidente del Consiglio della Hall of Fame. 

Gli altri campioni omaggiati 

Bryan non sarà l’unico ad entrare nella Hall of Fame. Tra gli altri, entreranno anche Kevin Maurice Garnett, campione nella stagione 2007-08 con i Boston Celtics, e Timothy Theodore “Tim” Duncan, cinque volte campione NBA con i San Antonio Spurs