Tutte le emozioni umane racchiuse in soli tre centimentri di cervello La mappa è stata scoperta dai ricercatori del MoMi Lab.
adv

La mappa delle emozioni umane è stata scoperta dai ricercatori del MoMi Lab. Gli scienziati hanno scoperto che il cervello è in grado non solo di rappresentare topograficamente la miriade di sensazioni che ogni giorno ognuno di noi prova ma anche l’intensità con la quale le percepiamo

La ricerca italiana

L’esperimento è stato condotto dai ricercatori del Molecular Mind Laboratory (MoMi Lab) della Scuola Imt Alti Studi Lucca. Durante la visione del famosissimo film “Forest Gump”, vincitore di sei premi oscar, 15 volontari dovevano riportare nel dettaglio, scena dopo scena, le emozioni provate e la loro intensità. I dati sono stati poi confrontati con uno studio tedesco “studyforrest”, condotto su altre 15 persone impegnate nella visione della stessa pellicola, in questo caso però, il cervello dei soggetti è stato analizzato tramite una risonanza magnetica funzionale. Il team guidato dallo psichiatra Pietro Pietrini e dalla dottoranda Giada Lettieri ha scoperto che non solo le emozioni sono concentrate in unico punto del nostro cervello ma anche che le sinapsi sono anche in grado registrarne l’intensità.

La mappa delle emozioni

Gli scienziati hanno identificato una zona all’interno del cervello, precisamente la giunzione temporo-parietale destra, grande appena tre centimetri nella quale sono racchiuse tutte le emozioni umane. Ansia, depressione ma anche alcuni tipi di fobie sono tutte contenute in questo minuscolo spazio. I risvolti di questa sensazionale scoperta possono essere incredibili, focalizzando lo studio in quest’area del cervello chissà che giorno si possa trovare una cura per queste malattie.

Il funzionamento

Lo studio è stato illustrato nel dettaglio nella rivista specializzata Nature Communications. Per semplificare un discorso molto complesso possiamo paragonare il meccanismo di registrazione delle emozioni a quello delle funzioni di base, cioè: vista, l’udito, l’olfatto, il gusto e il tatto. D’altronde molto spesso le emozioni sono legate ad uno dei cinque sensi.

Mi chiamo Benedetta Greco, nel 2013 mi sono laureata in giurisprudenza, presso l'università Federico secondo di Napoli, con tesi sulla definizione di terrorismo in diritto internazionale (di cui vado molto fiera). Ho collaborato come praticante avvocato abilitato per diversi Studi legali e nel 2016 dopo tre anni di gavetta ho superato con successo l'esame di abilitazione alla professione forense. Le mie esperienze professionali si estendono anche al piano della didattica: nel 2014 ho diretto dei moduli riguardanti la “Legislazione commerciale” e “ Legislazione fiscale” nell'ambito di un corso sui “Requisiti professionali per il commercio” nonché un modulo sui “Riferimenti normativi e legislativi in ambito socio sanitario” rientrante nel corso di studi per l’acquisizione dell’attestato di Operatore socio sanitario.