Home ALL CRONACA Cultura La Luna e la fantascienza, un legame indissolubile

La Luna e la fantascienza, un legame indissolubile

123
La Luna e la Fantascienza

Per il cinquantenario dello Sbarco sulla Luna, vi parleremo del legame indissolubile tra la Luna e la Fantascienza

Oggi, 20 luglio 2019, ricorre il cinquantesimo anniversario dello Sbarco dell’uomo sulla Luna. Per commemorare questo importante anniversario vogliamo parlarvi del profondo legame che esiste tra la fantascienza e la Luna.

La fantascienza e la Luna

La Luna, il satellite terrestre che tanto ha fatto sognare l’uomo nel corso del tempo. Tra tutti quelli che si sono occupati di questa compagna del nostro pianeta non possiamo non ricordare gli scrittori di fantascienza. Costoro, infatti, si sono occupati di come raggiungere la Luna e come colonizzarla.

Abbiamo scelto per voi due romanzi scritti da due scrittori molto diversi tra loro: Dalla Terra alla Luna di Jules Verne e La Luna è una severa maestra di Robert A. Heinlein.

Dalla Terra alla Luna di Jules Verne

Questo primo romanzo fu scritto nel 1865 e il titolo originale è De la Terre à la Lune, trajet direct en 97 heures 20 minutes (Dalla Terra alla Luna, tragitto diretto in 97 ore e 20 minuti).

L’opera di Verne è figlio della fiducia dell’uomo dell’Età vittoriana verso la scienza e, più in generale, del progresso. Il progetto per sbarcare sulla Luna è molto semplice: un proiettile cilindro conico verrà lanciato verso il satellite della Terra per tramite di una gigantesca bocca in ghisa scavata nel terreno, a Baltimora (USA).

Arrivee_Projectile (Fonte Wikipedia)

Al suo interno ci saranno tre uomini, un francese e due statunitensi. I loro nomi sono: Michel Ardan, Impey Barbicane e il capitano Nicholl. La loro missione fallirà perché il proiettile non riuscirà ad atterrare ma soltanto a penetrare nell’orbita lunare, ruotandole attorno come un satellite. Solo la genialità e la sagacia dei tre eroi consentirà loro di salvarsi e tornare sulla Terra.

La Luna è una severa maestra di Robert Anson Heinlein

La Luna è una severa maestra, titolo originale The Moon Is a Harsh Mistress, uscì per la prima volta sulla rivista statunitense di fantascienza If tra il dicembre del 1965 e l’aprile del 1966.

In questo caso, troviamo una Luna già abbondantemente colonizzata dalla Terra. Vi abitano, infatti, tre milioni di persone che hanno il compito di inviare generi di prima necessità ai loro fratelli terrestri.

Chi vive sulla Luna, ha un problema grave però: non può tornare più sulla Terra a causa dei cambiamenti fisici irreversibili. Le Nazioni Federate terrestri, sorta di ONU dell’epoca, controllano ogni aspetto di vita lunare tramite una struttura di controllo conosciuta come Ente. 

Simbolo degli indipendentisti lunari (Fonte Wikipedia)

La vicenda narrata nel romanzo di Heinlein si svolge nel 2075 e il protagonista indiscusso è il giovane Manuel Garcia O’Kelly. Quest’ultimo, dopo varie vicissitudini, entra nella Resistenza lunare, il cui scopo è quello di ottenere la totale indipendenza dal Pianeta Terra.

La storia prende molti spunti dalla Guerra di Indipendenza Americana, con le colonie lunari nei panni delle Tredici Colonie.

Avatar
Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.