Home Sanità Digitale La vita nel nostro paese diventa sempre più longeva, urge un piano...

La vita nel nostro paese diventa sempre più longeva, urge un piano di assistenza mirata.

745
riforma sanitaria e sanità digitale

Siamo proiettati sempre di più verso la sanità digitale, soprattutto nell’ottica dell’aumento dell’età media della vita. Vediamo nello specifico…

Uno dei punti “caldi”, per non esagerare definendolo “bollente”, per la ricrescita e l’innovazione del nostro paese è una riforma sanitaria. Un paese misura la sua vivibilità e la sua civiltà proprio dall’assistenza che riesce ad offrire alla propria popolazione con maggiore attenzione alle cosiddette “Fasce deboli”.

Pensare ad una riforma oggi significa pensare al digitale, ad una “Sanità Digitale”.

Sono vari i punti da prendere in considerazione:

  • L’aumento di malattie che sembravano debellate ma che, per l’uso errato dei cosiddetti “Vaccini Obbligatori”, sono rientrate nelle nostre case.
  • L’aumento della durata della vita media, con relativo aumento di anziani con necessità di continua assistenza.
  • Il caos, il nascere in continuazione dei cantieri stradali, il traffico sempre più intasato, complice anche una situazione di trasporti sempre più precaria, che spinge all’utilizzo del trasporto privato.
  • In questa situazione che vede città immobili muoversi con lentezza e con passi da formiche, anche coloro che vogliono mantenere alti gli standard di assistenza domiciliare diventano impotenti e si scoraggiano.
  • Logicamente la relazione tra traffico, aumento di gas e sostanze tossiche nell’aria, creano un aumento di ammalati che sempre di più vedono ritardare i soccorsi.

L’esame di tutte queste criticità e il numero elevato di queste ci proiettano in un mondo che vuole offrire una sanità all’altezza del giuramento di Ippocrate e che quindi non può non tenere conto della “Sanità Digitale” e dei suoi strumenti.

Grande protagonista di questo cambiamento e suo indispensabile mediatore è l’innovazione digitale, che può aiutare ad analizzare le tecnologie digitali, la loro funzionalità e il loro funzionamento.

Possiamo quindi iniziare a parlare di e-Health, cioè di salute, che tiene in contatto, attraverso strumenti informatici, personale specializzato e tecniche di comunicazione medico paziente.

La sanità digitale è ormai una scelta obbligatoria per il futuro della sanità italiana, proprio in base a quanto detto precedentemente. Ribadiamo dunque che l’aumento della popolazione a rischio, bisognosa di assistenza, si può risolvere solo con un piano territoriale, cercando di rendere il paziente sempre più autonomo, ma solo se anche i servizi amministrativi possono essere gestiti a distanza.

È essenziale, infatti, che gli utenti abbiano adeguate competenze in campo informatico.

La crescita in senso digitale dei servizi e di conseguenza dei rapporti tra cittadino e sistema sanitario, fanno sì che, solo in presenza di determinate competenze, questo possa usufruire dei servizi offerti, ma solo se i servizi digitali vengono in pieno utilizzati si può creare l’efficienza del sistema.

In questa ottica di sanità digitale, il sistema sanitario mette a disposizione un’elevata quantità di dati, che possono essere indispensabili per migliorare le diagnosi ed intervenire tempestivamente in momenti critici.

Uno dei punti di forza della medicina del territorio è la telemedicina, questa è indispensabile per il controllo continuo, la formulazione della diagnosi, e la cura sul territorio, con una percentuale di ospedalizzazione bassissima. Tutto ciò deve essere inserito in una strategia nazionale, di tecnologie digitali e di essere resa obbligatoria e non opzionale.

Per far sì che questo nuovo aspetto della sanità e della sua applicazione diventino più chiari e comprensibili a tutti, bisognerebbe rimuovere lo sviluppo non omogeneo e caotico che esiste tra le regioni.

Il fenomeno e le nuove applicazioni si estendono sempre di più a macchia di leopardo nel paese. Una frammentazione che anche le autorità del settore iniziano a commentare per cercare di trovare una soluzione.