L’evoluzione e l’influenza che hanno avuto i cellulari sulle nostre vite

58
come si sono evoluti i cellulari nel tempo

Ormai gli smartphone fanno parte della vita di chiunque, dai giovani agli anziani, ripercorriamo insieme le tappe che hanno influito nell’affermazione di questi dispositivi

1973, nasce Il primo cellulare della storia, chi lo ha inventato?

Ci troviamo nei mitici anni ’70, la dance music spopola tra i ragazzi, pezzi come “disco inferno” o “YMCA” infiammano le discoteche, ma questi sono soprattutto anni di grandi innovazioni e di eventi che passeranno alla storia.

Più precisamente ci riferiamo al 1973, anno in cui l’americano Martin Cooper, considerato l’inventore del primo telefono cellulare portatile, effettua e riceve la prima telefonata su questo genere di dispositivo. L’apparecchiatura viene denominata “Motorola Dyna-Tac”, ha un peso di addirittura un chilogrammo, la batteria impiega ben 10 ore per caricarsi a sufficienza ma assicura appena mezzora di autonomia.

Il “Motorola Dyna-Tac”.
Il “Motorola Dyna-Tac”.

Prezzi e caratteristiche dei cellulari nel decennio ’80- ‘90

Il “Dyna-Tac”, messo in commercio nel 1983 dalla casa produttrice americana “Motorola”, viene venduto alla “modica” cifra di 4000$, possedere un telefono cellulare in questi anni non è certamente una cosa accessibile ai più; nonostante il prezzo però si registrano lunghe code ai negozi per assicurarsi il modello.

Come già detto, è il primo telefono cellulare che offre 30 minuti di autonomia, si possono memorizzare 30 numeri; sono state rilasciate tra il ’73 e l’ ’83 varie versioni che hanno previsto una diminuzione di dimensioni e peso ed anche una nuova pulsantiera per memorizzare numeri, inviare e rifiutare chiamate e per la regolazione del volume. Nascono i primi display a LED

Gli anni Novanta, innovazioni e diffusione globale dei cellulari: Nokia e Motorola

L’azienda finlandese “Finnish Rubber Works” si afferma negli anni Ottanta nei pressi della città di Nokia. Al principio questo gruppo costruisce prodotti in gomma, però nasce il desiderio di espandersi in altri campi.

Parte la sfida a Motorola, seppur nei primi momenti non si riescano a creare telefoni cellulari all’altezza dell’azienda statunitense.
Con l’avvento degli anni Novanta però Nokia sviluppa e mette in commercio il “Mobira Cityman 900”, di soli 800 grammi, più affinato nelle dimensioni e con funzioni nuove.

Il prezzo è ancora elevato rispetto agli standard odierni, ha un tempo di autonomia in conversazione di quasi un’ora, si ricarica in 4.
Presenta una tastiera con retroilluminazione, è visibile un indicatore del segnale e uno della percentuale di batteria residua.

Con l’arrivo del 1995 invece si ha una grande svolta: il cellulare diventa oggetto d’uso comune.

I prezzi subiscono una leggera riduzione mentre le dimensioni vengono ridotte drasticamente; i produttori “Nokia”, “Blackberry” e “Motorola” si affermano leader del settore.

Diventando un fenomeno di massa, iniziano anche i primi effetti portati dai telefoni cellulari sulla popolazione mondiale. Chi non si ricorda del mitico “snake”? il gioco in cui un serpente mangiando ciò che appare nella schermata diventa sempre più lungo, accumulando sempre più punti, facendo attenzione però ad ostacoli e a non “mangiarsi” da solo. Stiamo parlando dunque di una delle novità più grandi della storia (importata da Nokia) riguardante i telefoni cellulari: la possibilità di avere dei “videogiochi su questi dispositivi.

Cellulari a “conchiglia” e nuovi design

Motorola ha sviluppato un nuovo concetto di design, quello a “conchiglia” ovvero un telefono che tramite un supporto tra due perni rende lo stesso più ergonomico.

Blackberry invece presenta  il primo cellulare con una tastiera “qwerty”; inoltre, anche con Nokia, vengono introdotte le prime connessioni che consentono un accesso ad Internet.

Il nuovo millennio

Con l’avvento del nuovo millennio il processo di globalizzazione dei cellulari è completo.
prezzi sono accessibili per chiunque, quasi in tutte le famiglie ne è presente almeno uno. Giovani e anziani, donne e uomini, ormai nessuno può farne a meno.

Nasce di conseguenza la necessità di poter essere sempre raggiungibili, senza affidarsi alle classiche cabine telefoniche o agli ormai superati “cercapersone”. Annoveriamo sicuramente tra i più importanti il famoso Nokia 3310, a volte anche soggetto di spassosi “meme” informatici.

il Nokia 3310
il Nokia 3310

Tra le ulteriori novità vi è un aumento della velocità riguardante la connessione internet e, non neghiamolo, ogni volta che ci siamo trovati ad entrare per sbaglio su un browser con questi primi modelli, iniziavamo a tremare in quanto il credito telefonico veniva quasi prosciugato!!

Nel primo biennio del 2000 sorgono i primi cellulari con la possibilità di riprodurre file in formato MP3 ed altri con una fotocamera integrata, le persone ormai iniziano ad uscire di casa avendo auricolari nelle orecchie, o immortalando video e foto di momenti speciali e non.

Ci sono finalmente i primi display a colori, le dimensioni dei cellulari vengono quasi definite “sottili” e nel 2005 abbiamo l’avvento della possibilità di collegarsi ad una connessione Wi-Fi a banda larga.

il cellulare diventa l’oggetto più utilizzato nella “giornata tipo” di una persona.

Il concetto di “smartphone” e la Apple

Siamo arrivati al 2007, ormai si inizia a sentir parlare di “smartphone” (letteralmente telefono intelligente), cellulari con possibilità grandiose, basti pensare che fino a qualche anno prima ancora non si poteva usufruire di cose basilari come, ad esempio, lo schermo a colori.

Così la Apple, l’azienda di Cupertino (California), decide di rivoluzionare ogni schema precedente e presenta al mondo l’iPhone.
Un telefono che presenta solo 4 tasti fisici e la possibilità di essere comandato grazie ad un “touch-screen”.

il primo modello di iPhone rilasciato nel 2007
il primo modello di iPhone rilasciato nel 2007

Da quel momento Apple e altre grandi case produttrici (come Samsung, ad esempio) hanno sviluppato smartphone capaci di compiere praticamente qualsiasi cosa.

Le fotocamere messe a disposizione hanno risoluzioni fantastiche, tante applicazioni sono state sviluppate per tenere in contatto persone in qualunque parte del mondo.

La connettività ad internet è ormai velocissima, chissà cosa ci metterà davanti il futuro, per ora cerchiamo di sfruttare al meglio (e con intelligenza) questi dispositivi.

E voi che ne pensate? Lasciate un commento sulla pagina!