LG mattatrice del CES 2019
adv

Tra tv arrotolabile e birra in capsule, LG è stata sicuramente la più incisiva tra le compagnie intervenute al CES di Las Vegas

 

Il CES (Consumer Electronics Show) 2019, in corso in questi giorni a Las Vegas, ha indubbiamente trovato il suo protagonista. LG sta, di fatto, rubando la scena a tutte le case partecipanti, presentando progetti di cui si farà sicuramente un gran parlare nel breve e medio termine, al di là della loro eventuale riuscita. Vediamo, dunque, quali sono stati i brevetti più importanti presentati dalla compagnia coreana.

Televisori arrotolabili…

Di smartphone pieghevoli si parla già da un po’ in maniera abbastanza concreta, tanto che i primi modelli dovrebbero essere in uscita quest’anno stesso: l’idea, lanciata da Samsung, è stata immediatamente ripresa da Huawei, Apple, Motorola e la stessa LG. Meno preventivabile era che, del tutto a sorpresa, si arrivasse ad adattare un concetto simile anche nel campo dei televisori. Si chiama Signature OLED TV R, dunque, la nuova creatura targata LG, ed è una tv chiamata ad apparire e scomparire nella propria base a seconda delle nostre esigenze. Si tratterà, ovviamente, di una Smart TV e proprio in base a ciò il dentro/fuori potrà essere gestito a seconda dell’uso che vorremo farne: potremo, quindi, scegliere di estrarla del tutto (modalità full view) così come di lasciarne fuori soltanto una piccola parte (modalità line view) necessaria ad utilizzare determinate app, per poi decidere di farla ritrarre del tutto quando non ne avremo più bisogno. Una scelta, dunque, in totale controtendenza rispetto al trend attuale, che vede le tv come parte integrante dell’arredamento casalingo: LG ci propone una filosofia diametralmente opposta, con una tv pronta a togliere il disturbo nel momento in cui i sui servigi non sono richiesti, liberando spazio che potrà, volendo, essere utilizzato in altri modi.

…e birra in capsule

Altrettanto curiosa e inaspettata la seconda proposta di LG. Si chiama LG HomeBrew e si tratta di un vero e proprio birrificio in miniatura da tenere comodamente a casa nostra. Il funzionamento, stando a quanto mostrato, sarà molto simile alle comuni macchinette per il caffè espresso: basterà inserire una capsula, nella quale saranno sintetizzati malto, lievito e aromi necessari, e nel giro di due settimane dovremmo avere cinque litri di birra pronti da gustare. Le capsule, proprio come quelle per l’espresso, saranno monouso e disponibili in vari tipi: quelle annunciate, ad oggi, sono le capsule per produrre American Ipa, American Pale Ale, Stout inglese, Pilsner ceca e Witbier belga. LG HomeBrew sarà, inoltre, in grado di autopulirsi utilizzando acqua calda.

LG proiettata verso il futuro

LG ha, dunque, certamente contribuito a rendere memorabile questo CES 2019. Non resta, ora, che interrogarci sull’effettivo successo di questi prodotti. Le risposte, ovviamente, potranno arrivare soltanto una volta avvenuta la messa in commercio: ciò che è certa, per ora, è la portata innovativa di questi progetti, proiettati già verso ulteriori ed importanti passi in avanti della tecnologia di utilizzo quotidiano. E ciò, successo o non successo, non è mai un male. Brava, LG.

Avatar
Nato a Napoli il 29/06/1993, la passione per la scrittura e per la tecnologia crescono in lui quasi pari passo: questa duplice natura lo porta a frequentare la facoltà di Ingegneria Chimica e contestualmente a coltivare le proprie velleità di scrittore. Comincia a collaborare con PSB nel giugno 2018, sperando di trovare in quest’esperienza il perfetto connubio di questi due animi.