Lione
Lione
adv

Un pacco bomba è esploso nella giornata di oggi nella città francese di Lione, seminando il panico e ferendo diverse persone

Paura a Lione

Nelle vicinanze di una delle piazza più centrali di Lione, Place Bellecour, precisamente in rue Victor Hugo, è esploso un pacco bomba che ha provocato terrore e vari feriti.

Sono 13, ad ora, le persone ferite in seguito all’esplosione dell’ordigno che era stato posizionato in una strada pedonale.

Tra i feriti anche una bambina di 8 anni che, fortunatamente, si trova fuori pericolo ed è già stata rilasciata dall’ospedale.

Nessuna rivendicazione

Le autorità seguono la pista del terrorismo, benché non si escluda anche la motrice dei gilet jaunes.

I rivoltosi famosi per i soprabiti gialli, infatti, non sono nuovi a situazioni da guerriglia urbana e dimostrazioni non proprio civili.

La polizia è, ad ora, alla ricerca di un uomo in bicicletta che potrebbe aver deposto il pacco in strada. Se così fosse, si potrebbe scoprire il mandante di questa pericolosa manovra e l’organizzazione cui fa capo.

Ordigno artigianale

Il pacco conteneva al suo interno un grande contenuto di chiodi, viti e bulloni, che sono stati sparati da tutte le parti in seguito alla deflagrazione.

I testimoni affermano d’aver sentito una prima forte esplosione e, solo in seguito, una seconda, più debole, che avrebbe dato inizio al pericolo.

Il pacco era stato depositato dinanzi al forno “La brioche dorée”, famosa panetteria di rue Victor Hugo.

Le parole di Macron

Il presidente francese, che oggi aveva un’intervista con uno youtuber, ha dato la notizia in diretta giustificando così il suo ritardo all’appuntamento.

“Scusate il ritardo, ma c’è stato un attacco a Lione.”

“Non faccio bilanci. Al momento ci sono soltanto feriti e non vittime. Penso a loro e alle loro famiglie.”

Parole dure quelle di Emmanuel Macron, che evidenziano come il gesto di oggi sia stato un vero e proprio attacco ai danni della città e della Francia in generale.