Intervista a Lorenzo Cesa
adv

Lorenzo Cesa, Segretario dell’UDC ed europarlamentare, ci ha concesso una video intervista dove ha esposto il suo operato in ambito europeo e nazionale

Oggi, 16 maggio 2019, Lorenzo Cesa ci ha concesso un’intervista, nella quale abbiamo discusso di Europa, Italia e Mediterraneo.

Europarlamentare di questa ottava legislatura in scadenza (2014\2019), Cesa milita nelle file del Partito Popolare Europeo. Inoltre è Segretario dell’Unione di Centro (UDC) dal 27 ottobre 2005.

È ricandidato, nelle file di Forza Italia, per le imminenti Politiche Europee nella Circoscrizione Italia Meridionale.

Lorenzo Cesa in Europa

Classe 1951, Cesa si è laureato in Scienze Politiche alla LUISS di Roma (Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli).

Al Parlamento Europeo si è occupato di diverse tematiche: politica estera (Europa Orientale, Caucaso e Mashrek); Sicurezza e Difesa; Industria, Ricerca ed Energia.

L’opinione di Cesa sull’Unione Europea  

L’Unione Europea alla quale pensa Cesa è un’Europa maggiormente vicina ai problemi del cittadino comune. Il focus deve essere posto sulla crescita economica al fine di aumentare la ricchezza della comunità.

Per raggiungere questo obiettivo, è necessario investire in infrastrutture, formazione professionale, energia pulita. Solo così sarà possibile, secondo l’europarlamentare, far ripartire il motore economico europeo.

Le domande esposte nell’intervista

Di seguito vi presentiamo le domande effettuate a Lorenzo Cesa. Le risposte le troverete nel video postato.

1 – In questa ottava legislatura del Parlamento Europeo, l’europarlamentare Cesa si è occupato di diverse questioni concernenti la politica estera. In particolare, del Caucaso e del Mashrek. Come considera la situazione attuale del Caucaso? Quale il ruolo dell’Europa e dell’Italia?

2 – In quanto membro dell’Assemblea Parlamentare Euronest può farci un bilancio dell’attività svolta da questo organo per la promozione della pace nell’Europa dell’Est?

3 – Lei ha proposto una Giornata Europea della Dieta del Mediterraneo. Come è nata questa iniziativa e quali le sue conseguenze?

4 – Quale è stata e quale dovrà essere il ruolo dell’Unione Europea per quanto concerne settori strategici per il Meridione come le infrastrutture e la formazione?

Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.