Lozano
Conferenza stampa di Hirving Lozano
adv

Ecco le prime parole del nuovo giocatore del Napoli: Hirving Lozano

Lozano è l’ultimo acquisto, fino a questo momento, del Napoli e oggi, alle 12.30, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione del giocatore messicano. Già vi abbiamo parlato nel dettaglio delle caratteristiche di questo forte calciatore, ora, invece, vediamo i punti salienti delle dichiarazioni dell’attaccante soprannominato Chucky.

Napoli in cima alle sue preferenze

Nonostante il lungo corteggiamento, l’approdo del messicano nel capoluogo campano non è mai stato a rischio: “Sono successe tante cose, ma da quando il Napoli si è interessato, è stata la mia prima scelta. Per fortuna grazie a Dio le cose sono andate bene e ora penso solo a lavorare.  Il Napoli è un’ottima squadra e speriamo di fare grandi cose. Sono molto contento e felice di essere qui, in un grande club e con grandi compagni. Ora sto lavorando per essere al 100%”.

Non sono mancate parole di affetto nei confronti della città e dei tifosi: “La città già la visitai, molto bella, m’incantò. E i tifosi sono fantastici. Il cibo, la gente, il panorama…è tutto fantastico”.

Lozano: fondamentale il ruolo di Ancelotti

Tra i tanti motivi che hanno spinto Lozano ad accettare il Napoli, fondamentale è stato anche il ruolo di Ancelotti: “Sono tanti i motivi che mi hanno spinto qui, anche il tecnico. Un tecnico meraviglioso, con grande esperienza. Sono contento di essere stato la prima scelta del mister. Avrà visto anche le gare del PSV. Io sono contento di averlo convinto”.

Lozano
Lozano quando giocava con il PSV

La posizione in campo

Molto importanti le sue dichiarazioni in merito alla posizione che potrà occupare in campo: “Credo di essere rapido, con buona tecnica, ovviamente giocherò nella posizione che vorrà il tecnico dando il 100%. Ho dimostrato al PSV di poter giocare un po’ ovunque, poi sarà il mister a decidere dove dovrò giocare. Il gioco qui è molto differente, è migliore, più veloce, più duro. Ovviamente bisogna lavorare e saranno importanti i consigli del mister, io sono qui per migliorare”.

Inoltre ha parlato della partita di Firenze e dei movimenti che potrà fare insieme ai suoi nuovi compagni di squadra Insigne, Mertens e Callejon: “Ho visto la partita, sono movimenti che si migliorano giorno per giorno, lavoriamo molto, io posso adattarmi bene anche grazie al lavoro di gruppo. Proverò a dare qualcosa in varie posizioni, dove il tecnico mi schiererà”.

Lozano: le sue ambizioni

Non sono mancate le dichiarazioni ambiziose e di personalità del calciatore per l’obiettivo primo posto: Lo Scudetto? Lo costruiremo partita dopo partita, abbiamo una grande squadra, l’ho vista molto bene, ma dobbiamo lottare e sudare ogni giorno”.

Non lo preoccupa il fatto di essere l’acquisto più costoso della storia del Napoli e del calcio messicano: “Sono solo contento se un club così importante ha pagato quello che ha pagato. La squadra è buona, ci sono tanti grandi giocatori e altri sono passati. Il mio obiettivo è essere al top per la squadra e il tecnico, imparare tanto e crescere. La cosa più importante è dare il 100%, per fare la storia del club”.

Inoltre non dimostra nessun timore nei confronti della Juventus:È una grande squadra, l’obiettivo è vincere”.

Lozano: alcune curiosità

Non sono mancate domande relative a fatti meno tecnici, ma più curiosi: “Ho sempre segnato al debutto, sarebbe bellissimo ripetermi, ma la cosa importante è vincere la partita”.

Molto importante è la scelta del numero di maglia che sarà l’11, un segnale per il mercato in uscita poiché apparteneva a Ounas: “Mi piace molto, in Europa mi ha portato bene e continuerò a utilizzarlo”.

Infine la curiosità sul suo soprannome, Chucky: “Al Pachuca, ero un monello e, poiché mi consideravano tale, mi hanno messo questo soprannome ed è rimasto”.