Gruppo Fb: Lucera di Puglia
Gruppo Fb: Lucera di Puglia
adv

La città romana di Lucera conosciuta per il Vico Ciacianella, una delle strade più strette d’Europa

Lucera è una delle città più antiche dei Monti Dauni. Le sue origini sono assai remote, con dominazioni di tutti i generi: greche, romane, longobarde, bizantine, normanne, sveve, aragonesi e borboniche. Per via della sua posizione geografica privilegiata e strategica, che affaccia sul Tavoliere delle Puglie, la città è nota anche come la Sentinella delle Puglie.

Il territorio

Il territorio che la circonda è ricco di vigneti, oliveti e vaste distese di grano. Antico capoluogo della Capitanata, sulle sue origini vi sono due diverse tesi:

  • Mitologicamente fondata da Diomede re dell’Etolia, fu Colonia prima greca e romana, successivamente conquistata da Carlo Magno e contesa da Longobardi e Bizantini.
  • Divenne città imperiale e araba con Federico II di Svevia, quindi cristiana e gotica sotto i d’Angiò.

Curiosità del luogo

Il Vico Ciacianella, chiamato comunemente strada ciacianella, con i suoi 45 cm di larghezza che consentono il passaggio solo di traverso, ha sempre rappresentato per Lucera qualcosa di insolito. Questo vicolo molto stretto è menzionato tra le strade più strette d’Europa.

Da vedere

L’Anfiteatro romano, costruito nel primo secolo a.C., rappresenta, con i due magnifici portali in pietra e la scenografica scalinata di accesso all’arena, un maestoso esempio di architettura romana.

La Fortezza Svevo angioina chiamata comunemente Castello, risale al XIII secolo ed è costituita da poderose mura sovrastate dalla Torre di leone e della Torre della Leonessa. All’interno sono stati ritrovati resti archeologici di epoca romana.

Basilica cattedrale di Santa Maria Assunta. La basilica, di stile gotico ha influenze romaniche ed è stata eretta nel XIV secolo per volere di Carlo d’Angiò. La Cattedrale è stata dichiarata Monumento Nazionale nel 1874.

Al suo interno si notano i solenni altari in marmo, la statua della Vergine risalente al XIV secolo e la magnifica Pala d’altare di Caropresa.