adv

Oggi, 27 maggio 2020, Accompagnatori e Guide Turistiche hanno manifestato davanti alla sede della Regione Campania in via Santa Lucia (Napoli). Scopriamo il perché

Una folta rappresentanza di Guide e Accompagnatori Turistici della Regione Campania, stamattina sotto la sede della Regione Campania in via Santa Lucia a Napoli hanno manifestato per far valere le proprie ragioni.

I motivi della protesta del comparto turistico

Dopo i numerosi appelli fatti alla Regione ed al Governo via stampa, mail, radio e tv adesso siamo pronti a presidiare la sede della Presidenza della Giunta Regionale della Campania. E’ davvero inammissibile che tra tutti i proclami e gli annunci fatti da Ministro ed Assessore al turismo non ci sia nulla che riguarda guide ed accompagnatori turistici, eppure nella sola regione siamo circa 3500.
Ad oggi, vista l’articolazione multiforme dei profili fiscali, non tutti i professionisti  sono rientrati nelle misure di supporto varate dallo Stato o dalla Regione Campania, inoltre, sta passando un’idea sbagliata che è quella per cui con l’apertura dei Musei e dei Parchi Archeologici noi torneremo a lavorare. La domanda è: come possono tornare a lavorare le guide e gli accompagnatori turistici se i turisti dei viaggi di gruppo organizzati non ci sono. La conclusione è che ci aspetta almeno un altro anno di stop lavorativo, e ciò avrà, anzi sta già avendo risvolti drammatici“.

Questa è una delle tante voci ascoltate stamattina dal nostro inviato.