Il programma del Mann sui canali social per i ponti del 25 aprile e del 1 maggio (fonte Vesuvio Live)
adv

Il Mann, in occasione dei prossimi “ponti” del 25 aprile e del 1 maggio, arricchirà la programmazione sui suoi canali social con una serie di interessanti novità

Documentari, conferenze e quiz con premi in palio. Ecco quali sono le iniziative messe in atto dal Mann per le prossime festività civili da vivere, ancora, in quarantena.

Mann: contenuti speciali per i due “ponti”

Il Mann ed il suo pubblico. Un legame che non si è scisso, nonostante l’emergenza sanitaria ancora in corso, e che sembra destinato anzi a rinsaldarsi nei prossimi giorni da trascorrere ancora a casa. In occasione dei “ponti” del 25 aprile e del 1 maggio, l’Archeologico di Napoli arricchirà in maniera significativa l’offerta per i followers dei propri canali social (Facebook, Instagram).

“Il Mann sta facendo un gran lavoro per arricchire l’offerta social di contributi originali e di  contest per coinvolgere le famiglie in questi giorni di grande sacrificio”. E’ quanto afferma il Direttore del Museo, Paolo Giulierini, il quale con il suo staff ha voluto introdurre, nella programmazione per i due “ponti”,  contenuti specialistici dedicati ad archeologi e studiosi.

Inizio da domani con il focus sulla mostra Thalassa

Da domani, venerdì 24 aprile, sulla pagina Facebook del Mann si procederà alla pubblicazione di video di approfondimento inerenti alla mostra “Thalassa”, allestita ed inaugurata sul finire del 2019.

Una carrellata di suggestive riprese effettuate nei fondali del Mar Mediterraneo permetterà di conoscere le modalità di svolgimento degli scavi archeologici subacquei. Inoltre, attraverso la voce dei curatori di Thalassa, gli utenti potranno acquisire maggiori informazioni su alcuni dei più importanti reperti collocati nell’allestimento.

Contenuti speciali proposti dal Mann sulla mostra Thalassa (fonte BonCulture)

“Mann in quiz”

Sempre nella giornata di domani, 24 aprile, alle ore 11 ci sarà spazio per un divertente quiz. Gli utenti dovranno rispondere sulla pagina Facebook del Mann a cinque quesiti nella maniera più rapida ed esaustiva possibile.

Il premio messo in palio per il vincitore del gioco (“Mann in quiz”) consisterà in un abbonamento annuale (OpenMann – opzione family) che potrà essere usato dal momento della riapertura del museo. Il simpatico quiz verrà ripetuto ogni martedì e venerdì, sempre alle ore 11, per un totale di 4 puntate.

Il viaggio del Cartastorie

Nei weekend 25-26 aprile e 2-3 maggio le pagine social del museo vedranno, invece, la pubblicazione di frammenti del docufilm “La genesi del Mann. Un Viaggio del Cartastorie in quattro video”. La produzione rappresenta l’esito di un lavoro di ricerca che ha coinvolto l’Archeologico e l’Archivio Storico del Banco di Napoli nella mostra “Carlo III e le antichità: Napoli Madrid e Città del Mexico”.

Durante i cortometraggi gli utenti potranno ascoltare alcuni singolari narratori vissuti in età borbonica, come un cocchiere dell’Ufficio del Regio Corriere ed un orologiaio. L’obiettivo del Cartastorie è di proporre, infatti, un’immersione virtuale nell’atmosfera entusiastica che accompagnò, nel Settecento, la riscoperta di Pompei ed Ercolano. Un evento, quest’ultimo, che portò alla nascita del nucleo primordiale del Real Museo Borbonico, corrispondente proprio all’odierno Mann.

Dal 30 aprile gli Incontri di Archeologia

Infine, da giovedì 30 aprile, il Mann riproporrà via social il ciclo degli Incontri di Archeologia. Una rassegna di conferenze, messa in atto già da alcuni anni, che mira a divulgare contenuti scientifici in una maniera semplice e comprensibile anche da un pubblico “profano”.

Il primo appuntamento sarà un tour nelle stanze della Collezione Magna Grecia, riaperta lo scorso anno. Sarà un’occasione per conoscere, seppur virtualmente, testimonianze archeologiche provenienti da antiche città dell’Italia meridionale, come Cuma, Taranto, Paestum, Metaponto e Locri.

Avatar
Nato a Taranto nel 1986, Angelo Zito frequenta il liceo classico conseguendo la maturità classica nel 2005 con il punteggio di 97/100.  Nel 2009 consegue con il massimo dei voti il titolo di Dottore in Conservazione dei beni culturali dell'Università presso l'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli e nel 2011, presso lo stesso ateneo e con il medesimo esito, il titolo di Dottore Magistrale in Archeologia. Nel mese di aprile 2018 conseguirà il Diploma di Specializzazione in beni archeologici, titolo equipollente al dottorato di ricerca, necessario per l'accesso ad incarichi professionali presso il Mibact. Membro dello staff direttivo dell'Associazione culturale Heracles 2015, giornalista pubblicista dal maggio 2017, attualmente collabora con Il Giornale Off, approfondimento culturale online del quotidiano milanese.