Villa_Comunale_di_Napoli (File Wikimedia Commons)
adv

Ieri sera si è tenuto nella Villa Comunale di Napoli un incontro per mantenere viva l’attenzione sulla vicenda che ha visto coinvolto Mario Paciolla in Colombia

Erano circa 300 le persone che hanno partecipato ieri sera, giovedì 30 luglio, all’incontro che si è tenuto nella Villa Comunale di Napoli per ricordare Mario Paciolla, il ragazzo napoletano deceduto in Colombia. Tra i convenuti c’erano anche Roberto Fico (Presidente della Camera dei Deputati), Luigi Di Maio (Ministro degli Esteri) e Luigi de Magistris (Sindaco di Napoli). 

La morte di Mario Paciolla in Colombia 

Paciolla è stato trovato morto nella sua casa a San Vicente del Cagùan il 15 luglio 2020. Il giovane attivista dell’ONU temeva per la sua vita, tanto da averlo ripetuto più volte a sua madre. Sarebbe dovuto, infatti, rientrare in Italia il 20 luglio. 

Per questi motivi, il suicidio sembra non reggere come causa del decesso. 

Le parole di Alessandra Ballerini

Molto forti le parole pronunciate da Alessandra Ballerini, legale della famiglia Paciolla, riportate anche dall’ANSA:

L’impegno della famiglia di Mario è un percorso di resistenza e coraggio, appena iniziato. Chi è qui stasera sta dalla parte di Mario e del suo percorso di solidarietà, eguaglianza e giustizia. 

Ho imparato a conoscerlo iniziando le indagini sulla sua morte ma ho capito che Mario rappresenta la meglio gioventù che va in giro per il mondo e non torna, abbiamo perso i suoi talenti ma non dobbiamo perdere i suoi ideali. Lo dobbiamo a lui e a tutti i giovani che cercano di cambiare il mondo dobbiamo delle verità“. 

Il ricordo di chi lo conosceva bene

Oltre a Ballerini, sono intervenuti anche i genitori del ragazzo, Giuseppe Paciolla e Anna Motta, diversi suoi amici e le autorità presenti. 

Per ultimi sono saliti sul palco alcune band partenopee che hanno voluto omaggiare l’attività di Mario Paciolla tramite la loro musica. 

Le autorità colombiane hanno assicurato, nei giorni passati, che faranno piena luce su quanto realmente è accaduto quel giorno fatale.