Mark Zuckerberg
adv

Tutti comunemente associamo Zuckerberg all’invenzione di Facebook, ma il social network è solo la punta dell’’iceberg

Mark Zuckerberg nasce il 14/05/1984 a New York, precisamente a White Plains, dal dentista Edward Zuckerberg e dalla psichiatra Karen Kemper. Cresciuto secondo i dettami della religione ebraica, Mark ebbe il suo bar mitzvah a 13 anni.

 Egli frequentò l’Hardsey High School, ma fin da piccolo, il padre lo iniziò all’informatica e gli permise di prendere lezioni private sulla programmazione dallo sviluppatore David Newman. Giovane prodigio, Mark mostrò subito i segni del genio: già al liceo creò un programma chiamato Synapse  Media  Playeer che permetteva di memorizzare i gusti musicali dell’utente e riprodurre le canzoni in automatico. Il progetto, messo in freedownload, ebbe 5 stelle da PC Magazine.

 Tra i diversi scandali che hanno visto coinvolto il 34enne americano, il caso Cambridge Analytica https://www.psbprivacyesicurezza.it/le-parole-di-zuckerberg-al-congresso/ è stato sicuramente una battuta di arresto nella carriera del giovane miliardario. Mark ha saputo comunque saputo gestire bene la situazione, facendo le proprie scuse pubblicamente al Congresso, affermando che Facebook avrebbe dovuto fare di più per proteggere i dati degli utenti.

Gli anni universitari e il matrimonio

Zuckerberg frequentò l’Università di Harvard, ma, per sua stessa ammissione, non fu mai un assiduo frequentatore dei corsi, in quanto passava la maggior parte del tempo a programmare. Sean Parker, coofondatore  di  Napster, ha rivelato inoltre che Mark al college amava decantare versi dell’Iliade e dell’Odissea; d’altronde già da giovanissimo egli eccelleva nelle materie umanistiche.

 È ad Harvard che Mark conobbe la sua futura moglie Priscilla Chan, sposandola nel 2012. Dal loro matrimonio nacquero 2 bambine, Maxim nel 2015 e August nel 2017. Priscilla, di origini cinesi, ha raccontato di aver conosciuto Mark ad un party universitario, in coda per la toilette, e che all’inizio l’aveva trovato un po’ troppo nerd per i suoi gusti, salvo poi essere folgorata dalla sua intelligenza.

Facebook

Mark fondò Facebook nel 2004 insieme ai colleghi  Andrew McCollum, Dustin Moskovitz, Eduardo Saverin  e Chris Hughes.  Facebook è stato il primo social network ad avere più di 2 miliardi di utenti mensili. L’idea è figlia di piattaforme universitarie come Coursematch  o  Facematch, attraverso le quali gli studenti potevano scambiarsi opinioni sui corsi o votare le foto più belle dell’anno.

Mark e i suoi colleghi collaudarono prima il progetto all’interno di vari campus dove ebbero un successo incredibile. Nel febbraio 2014  Facebook acquistò Whatsapp  (servizio di messaggistica istantanea) per 19 miliardi di dollari.

Attualmente Facebook è il social più utilizzato al mondo e il suo valore in borsa è attualmente di circa 70 miliardi di dollari. Dal 2014 Mark è ufficialmente presidente e amministratore delegato di  Facebook Inc e in qualità di fondatore, riceve un dollaro l’anno come stipendio simbolico.

Citazioni illustri

Nel 2010 David Fincher, famoso regista, scelse di omaggiare Zuckerberg e la sua grande invenzione col film “The social network” dove spiegò la storia della nascita di Facebook. Il film vinse 3 oscar, miglior montaggio, miglior colonna sonora, migliore sceneggiatura non originale e l’apprezzamento dello stesso Mark che ne criticò solo qualche inesattezza.

 Vanity Fair nominò Zuckerberg come la persona più influente nell’era dell’informazione nel 2010 e nello stesso anno per  il  Time Mark divenne l’uomo dell’anno, venendo così inserito tra le 100 persone più ricche e influenti al mondo.

Nel 2011 anche il Jerusalem Post posizionò Mark al primo posto nella classifica degli ebrei più influenti al mondo. Nel 2018 Forbes lo ha inserito al quinto posto nella classifica degli uomini più ricchi al mondo.

Opere di bene

Nel 2013 Mark compì un gesto encomiabile donando un miliardo di dollari in beneficenza.  Nel dicembre 2015, alla nascita della prima figlia, Mark affermò di voler donare in beneficenza il 99% delle azioni di Facebook trasferendo i titoli alla “Chan Zuckerberg Initiative”, ente creato con la moglie per gestire le iniziative benefiche, mirando soprattutto al settore dell’infanzia.

Inoltre con la nascita su Facebook del servizio “Social Good” gli utenti hanno la possibilità di fare segnalazioni e avviare una raccolta fondi in caso di terremoti, attentati o eventi catastrofici di qualsiasi genere.