Scopriamo gli easter egg più divertenti di Marvel's Spider-Man
adv

Insomniac Games ha nascosto un bel po’ di sorprese nel nuovo Marvel’s Spider-Man per PS4. Scopriamo insieme quelle già scovate

 

Marvel’s Spider-Man è stata senza dubbio l’uscita videoludica più importante di questo settembre 2018. Con buona pace di altre release molto attese, come gli ottimi Dragon Quest XI e Life is strange: Before the storm, la nuova creatura di Insomniac è stata infatti capace di catalizzare l’attenzione di media e gamers. Merito, sicuramente, della popolarità del buon vecchio Spidey, ma anche dell’ottima riuscita delle ultime produzioni della casa di Spyro (si veda, ad esempio, il bel reboot di Ratchet & Clank uscito nel 2016), che lasciavano ben sperare sulla qualità di questo nuovo progetto. Aspettative che non sono state deluse: Marvel’s Spider-Man ha goduto di un’ottima accoglienza, con i voti della stampa internazionale che ballano tra gli 8/10 e i 10/10. Non vogliamo, però, soffermarci su aspetti tecnici di cui abbiamo già ampiamente discusso nel nostro precedente articolo. Ad interessarci, stavolta, sono le tante soprese disseminate lungo l’esperienza di gioco dai ragazzi di Insomniac. Vediamo, dunque, quali sono gli easter eggs più divertenti tra quelli, finora, scovati dai giocatori.

Tra gli easter eggs presenti in Marvel's Spider-Man molti riguardano il MCU

Marvel Cinematic Universe, ma non solo

Per Marvel’s Spider-Man, com’è noto, gli sviluppatori hanno optato per una storia completamente nuova, libera dai vincoli imposti dal dover seguire le storyline dei fumetti o dei film. Sarebbe stato ingenuo, però, data la vastità del materiale da cui attingere, non approfittarne per inserire qualche sorpresa a tema. Ecco allora che, girovagando per il Greenwich Village, è possibile imbattersi nel riconoscibilissimo Santuario di Doctor Strange. Impossibile, inoltre, volteggiare tra i grattacieli di New York senza accorgersi della presenza della Avengers Tower, alla quale potremo liberamente dare la scalata. Nel palazzo delle Nazioni Unite, a Midtown, si trova l’Ambasciata di Wakanda. Un palese riferimento a Tony Stark è invece presente nei post-it attaccati sulle pareti della cameretta di Peter: “chiama T.S. per quella proposta di lavoro”, recita uno di questi. Spazio anche agli elementi tratti dalle serie tv dell’Universo Marvel: a New York potremo infatti incappare nelle sedi dell’Alias Investigation di Jessica Jones e della Rand Enterprises di Iron Fist. Durante la campagna principale farà poi la sua immancabile apparizione papà Stan Lee, esattamente come in qualunque film del Marvel Cinematic Universe. Restando in ambito cinematografico, ma allontanandoci dal MCU, troviamo invece una simpatica citazione all’amatissimo Spider-Man 2 del 2004. Analogamente a quanto accadeva nel film di Sam Raimi, infatti, al buon Peter Parker verrà chiesto di fermare un treno in corsa. Le ragnatele, però, stavolta si riveleranno poco efficaci: eppure “l’ultima volta aveva funzionato”, commenta il nostro eroe. Sempre a tema cinema Marvel’s Spider-Man ci fa dono di un’ultima, inaspettata, chicca: l’inconfondibile caserma dei Ghostbusters.

Uno degli easter eggs presenti in Marvel's Spider-Man riguarda Venom

Tempo libero

La vita di un supereroe non è certo solo lotta contro la criminalità. Anche Spider-Man, e con lui noi gamers, ha diritto a dei passatempi. Sarà possibile, allora, dedicarsi alla raccolta di ben 55 diversi zainetti, ciascuno con uno speciale collezionabile. Proprio in uno di questi ecco spuntare una delle sorprese: un bigliettino d’auguri firmato, fra tante persone, da un certo Eddie Brock. Vi dice nulla il nome Venom? Fra una missione e l’altra, inoltre, perché non rilassarsi consultando un po’ i social network? Spidey ha il suo profilo ufficiale, tramite il quale riceve commenti, ringraziamenti e, talvolta, lamentele. Qualcuno, infatti, si lamenta del fatto che a suo figlio non sia stato recuperato un palloncino andato perso. Anche qui nulla è lasciato al caso: il riferimento è a una missione (invero dal dubbio gusto) presente sullo Spider-Man 2 per PS2, durante la quale era possibile dilettarsi nel recupero di palloncini smarriti. Riferimenti ai palloncini che, non a caso, troveremo ancora disseminati qua e là lungo il gioco: Marvel’s Spider-Man non dimentica i suoi predecessori, e li omaggia (più o meno) a dovere. Sempre bazzicando sui social potremo trovare, poi, qualcuno in cerca di aiuto per “completare l’evoluzione su quel gioco mobile che amo”: abbastanza palese il riferimento al Pokémon Go di Niantic. All’interno del F.E.A.S.T. Center incontreremo, invece, dei cittadini chini su dei giornaletti di parole crociate. Questi, se li si inquadra tramite la funzionalità fotocamera, si riveleranno tutt’altro che dei semplici riempitivi, bensì dei cruciverba davvero ben pensati e che sarà realmente possibile compilare.

Un lieto fine mancato

Lasciamo per ultimo quello che è senz’altro il più insolito tra gli easter eggs trovati. Girovagando per la mappa potremo notare un cinema il cui cartellone riporta, a caratteri cubitali, la frase: “MADDIE, WILL YOU MARRY ME?”. Tutto ciò non è frutto del caso: un fan, infatti, si era appositamente messo in contatto con Insomniac per chiedere agli sviluppatori di inserire, nel gioco, quella che sarebbe stata la reale proposta di matrimonio alla sua fidanzata. La conclusione? La brava Maddie, prima dell’uscita di Marvel’s Spider-Man, ha lasciato il povero innamorato per iniziare una storia con il fratello di lui. Sembra una puntata di Beautiful, ma è solo la sorpresa più tenera e, purtroppo, triste mai inserita in un videogioco. Gli sviluppatori, dato l’esito tutt’altro che felice dell’iniziativa, sembra siano già al lavoro per rimuovere la frase dal cartellone.

Insomniac colpisce ancora

Al netto, dunque, di giudizi tecnici (comunque positivi) che non tratteremo in questa sede, Insomniac sembra aver davvero fatto di tutto per divertire i fan dell’Uomo Ragno. I riferimenti a materiale cinematografico, fumettistico e videoludico sono davvero tantissimi, e chissà che altri ancora non debbano essere trovati. Ciò che è certo è che, tra una missione e un’acrobazia sulle ragnatele, Marvel’s Spider-Man offre davvero tanti modi per divertirsi e sorprendersi. La nuova sfida di Insomniac Games, a questo punto, non può considerarsi altro che ben riuscita.

Nato a Napoli il 29/06/1993, la passione per la scrittura e per la tecnologia crescono in lui quasi pari passo: questa duplice natura lo porta a frequentare la facoltà di Ingegneria Chimica e contestualmente a coltivare le proprie velleità di scrittore. Comincia a collaborare con PSB nel giugno 2018, sperando di trovare in quest’esperienza il perfetto connubio di questi due animi.