Massimo_Carminati (Fonte Wikipedia)
adv

Er Cecato, Massimo Carminati, è libero dopo quasi sei anni di carcere su istanza degli avvocati per scadenza dei termini della custodia cautelare

Dopo la storica sentenza della Cassazione, riguardante Mondo di Mezzo (conosciuta anche come Mafia Capitale), che ha escluso il reato di associazione mafiosa per gli imputati, Massimo Carminati è ora libero a causa della scadenza dei termini della custodia cautelare. 

La carcerazione di Massimo Carminati

Carminati, esponente di punta dell’estrema destra romana, era stato arrestato nel dicembre 2014 e condannato in appello a 14 anni e  mezzo di reclusione (era il 2018). 

Da oggi, 16 giugno 2020, è libero (su istanza della difesa) per scadenza dei termini della custodia cautelare. Ha scontato 5 anni e 7 mesi. Prima della decisione stabilita oggi, l’istanza era stata rigettata tre volte. 

Ad occuparsi della difesa dell’ex esponente di punta dei Nuclei Armati Rivoluzionari (NAR) ci sono i legali Francesco Tagliaferri e Cesare Placanica. 

I motivi della sentenza della Cassazione

Non ci sarebbe stato metodo mafioso nel sistema politico-affaristico organizzato e gestito dalla coppia vincente Salvatore Buzzi e Massimo Carminati, ma incapacità (da parte di alcuni funzionari) di resistere ai “vantaggi” proposti dai due. 

La Sesta Sezione Penale così si è espressa in merito: “Appare evidente, dalla sentenza di secondo grado, che non risulta affatto il ruolo di Massimo Carminati quale terminale di relazioni criminali con altri gruppi mafiosi. 

Nessun ruolo era gestito da Carminati con settori finanziari, servizi segreti o altro; la gestione delle relazioni con gli amministratori era compito quasi esclusivo di Salvatore Buzzi, avendo Carminati relazioni determinanti solo con alcuni ex commilitoni”. 

Questi ultimi lavoravano in diversi rami dell’amministrazione capitolina. 

Non ci sarebbero, quindi, elementi per indicare rapporti tra Massimo Carminati e i clan romani dei Casamonica e con ex appartenenti della banda della Casamonica

Una vicenda molto complessa e dai contorni ancora non del tutto chiari.