MediEvil Remake: la demo è pronta in vista del rilascio ad ottobre
adv

Sir Daniel Fortesque sta per tornare!

Finalmente è disponibile un’anteprima del remake di MediEvil! Sul Playstation Store è disponibile una demo di 20 minuti che ha come protagonista Sir Daniel Fortesque.

La demo

L’operazione nostalgia, iniziata qualche anno fa con Crash, Spyro e Resident Evil, non è ancora terminata! Per gli appassionati della prima generazione di videogames, ecco il ritorno di un altro grande classico: MediEvil!

Già dalla demo si può capire che il titolo si attiene fedelmente al videogame originale.

Dopo una lunga cinematica iniziale, da cui già si comprende lo stile e le ambientazioni, si può cominciare a giocare, qualcuno anche con un pizzico di nostalgia per gli anni in cui fù presentato l’originale. La demo termina con lo contro il demone di vetro, primo boss dell’avventura. Ahimè però la demo non basta a soddisfare i fan che “ne vogliono di più”.

Il gameplay

Il gameplay riprende le meccaniche classiche, con la solita accoppiata di arma e scudo e la grande varietà offerta dal proprio arsenale. Inizialmente non si avrà a disposizione nessuna arma e per difenderci si potrà usare solo il braccio del protagonista. Ben presto però, verranno trovati i pugnali da lancio per colpire dalla distanza, e spada lunga e clava per le distanze ravvicinate.

Ogni arma avrà un effetto secondario come la possibilità di lanciare più coltelli da lancio insieme, il caricare la spada per rotearla o l’utilizzare la clava per spaccare rocce che nascondono segreti preziosi.

Luoghi segreti

MediEvil è sempre stato caratterizzato da una moltitudine di segreti, utili non soltanto per facilitare il viaggio dell’eroe, ad ma anche per completare al 100% il gioco.

Oltre a questi luoghi, è presente una lunga serie di oggetti secondari come le rune, alcune obbligatorie per proseguire nelle missioni, altre opzionali per accedere a ricompense aggiuntive e bottino vario.

La vita, i soldi e le ambientazioni

Quanto alla salute, si ha una lunga barra verde con trecento punti vita e alcune fiale aggiuntive che fungono da vite bonus. Queste al momento opportuno si svuotano per riempire la barra dei lifepoint. Per riempirle nuovamente basterà andare alle pozze verdi o raccogliere nuove fiale.

Anche le monete non sono cambiate. Le si possono raccogliere da terra, nei sacchetti e nei forzieri, e si possono scambiare con i mercanti, goblin di pietra attaccati alle pareti, in cambio di equipaggiamento di vario tipo.

È possibile ammirare le terre di Gallowmere con una veste grafica ovviamente migliorata, non tanto per la semplice aggiunta dei tantissimi dettagli visibili ma proprio per la creazione di tutto un background prima assente, dovuto alle ovvie limitazioni a cui i team dovevano sottostare negli anni ’90. Dove prima c’era un nero vuoto, adesso ci sono case, o alberi, o un qualsiasi dettaglio che contribuisce ad arricchire il paesaggio, merito anche di un team che ha saputo catturare l’essenza con cui MediEvil nacque.

Il gioco verrà rilasciato il 25 ottobre e penso che tutti, o almeno io, attendiamo questo giorno con grande smania.

Avatar
Nata a Napoli nel 1993, Federica Amodio è laureata magistrale in Scienze e Tecnologie Genetiche presso il centro di ricerche genetiche BIOGEM 110 con lode. La sua tesi di laurea, verte sui meccanismi di regolazione del gene Zscan4 da parte dell’acido retinoico nelle cellule staminali embrionali murine. L’espressione di questi geni regolano le prime fasi per lo sviluppo degli embrioni. Per lungo tempo ha collaborato con il centro per una pubblicazione scientifica inerente al suo progetto di tesi.