cloud enablement desk
adv

L’azienda americana Microsoft, o se si vuole essere precisi Microsoft Corporation, con sede nello stato di Washington (Redmond precisamente) è diventata, negli anni, una delle imprese informatiche più importanti al mondo.

Quest’anno, dopo un processo di trasformazione iniziato lo scorso 1° luglio 2017, i dirigenti di Microsoft hanno deciso di stanziare ben 40 milioni di euro dedicati alla formazione.

Questa formazione è dedicata, in parte, al cloud computing, servizio di archiviazione dati recuperabili in qualsiasi momento da connessione remota per quelle imprese, soprattutto le PMI (Piccole e Medie Imprese), che operano a stretto contatto con Microsoft tramite questo servizio.

Questa formazione per le aziende che gestiscono il cloud di Microsoft prende il nome di Cloud Enablement Desk.

L’importanza della formazione è nata dalla crescita esponenziale che ha avuto il cloud computing all’interno di Microsoft; secondo alcuni dati, stilati dalla sede di Redmond, questo servizio si è sviluppato di oltre il 70% negli anni ed oggi è diventato fondamentale per la società informatica, come dichiarato dagli stessi vertici Microsoft.

La nascita del Cloud Enablement Desk, invece, è conseguenza dell’ottimo lavoro svolto dalle aziende che gestiscono il servizio cloud di Microsoft, in diversi progetti e presso le più disparate organizzazioni, tanto che, sempre numeri alla mano, ogni mese oltre 3000 imprese (il 95% rappresentato dalle PMI) utilizzano il questo servizio all’interno della propria struttura.

Il Cloud Enablement Desk ed i Partner Microsoft

Le aziende partner di Microsoft, però, sono molto eterogenee tra loro, in quanto ci sono dai rivenditori ai licensing solutions partner passando per distributori e system integrator, e quindi per la società statunitense investire sulla loro formazione è di fondamentale importanza ed è per questo che il Cloud Enablement Desk si integra perfettamente nel contesto.

Ben 10.000 organizzazioni, soltanto in Italia e facenti parte del Microsoft Partner Network, ricevono una formazione ed un’assistenza gratuita da parte della società informatica grazie alla piattaforma, perché così si può definire tecnicamente, Cloud Enablement Desk si presenta come una sorta di guida all’interno della quale le diverse aziende partner possono ricercare ogni tipo d’informazione e linee guida, appunto, per migliorare e sviluppare il proprio business.

Il Cloud Enablement Desk, inoltre, ha durata di sei mesi ed è coadiuvato da uno specialista sempre pronto a suggerire, ai diversi partner di Microsoft, quali sono le differenti tipologie di formazione previste dalla piattaforma (personalizzabili da azienda ad azienda), le strategie di marketing in ottica ICT (information and Communication Technology) e gli obiettivi standard da raggiungere.

Cosa offre Microsoft ai suoi clienti ?

Il pacchetto offerto da Microsoft, ancora, offre altre possibilità ai suoi partner come, ad esempio, quella di poter avere facile accesso a tutte le tecnologie, programmi e risorse per la propria azienda; questo perché per Microsoft è importante non solo che le sue organizzazioni siano ben formate ma che possano differenziarsi dalle altre imprese ed eccellere sotto diversi aspetti.

Tra i più importanti c’è sicuramente l’innovazione e Microsoft, soprattutto verso le aziende che si mostrano maggiormente interessate a quest’aspetto, individua i partner più meritevoli e li suggerisce a queste imprese, come in una sorta di incontro tra domanda (aziende) e offerta (partner).

Attraverso questa intermediazione la società informatica riesce a combinare il miglior partner per ogni singola azienda, sulla base delle proprie caratteristiche.

Il Cloud Enablement Desk, quindi, è la perfetta soluzione per chi necessita di formazione e, allo stesso tempo, assistenza nella ricerca di strumenti e figure pronte ad aiutare un’azienda nel processo di crescita. Anche il direttore della nuova Divisione partner e PMI di Microsoft ItaliaFabio Santini, ha specificato quanto sia importante questa fase per un’impresa.

Santini, infatti, ha dichiarato che se si vuole entrare in un processo d’innovazione come quello che ha coinvolto, e che coinvolge ancora oggi, migliaia di aziende, la formazione è imprescindibile perché è quella che aiuta a capire determinati aspetti dell’organizzazione e a fissare gli obiettivi per il proprio business, anche in base ai trend del mercato attuale.

La società informatica mette a disposizione diversi strumenti per i propri partner

Per tutti questi motivi Microsoft ha investito, in questo inizio di 2018, 40 milioni di euro (rispetto ai 25 stanziati lo scorso anno) e li ha spalmati tra supporto tecnicotrainingincentivi, supporto business e ovviamente cloud computing. D’altronde la società viaggia su questa strada e per un’azienda, soprattutto se medio-piccola, non ci sono alternative se vuole ottenere guadagni e proseguire la propria attività.

Microsoft, comunque, aiuta i propri partner anche nel processo di acquisizione delle capacità necessarie per diventare dei veri e propri business aziendali, attraverso un programma specifico che si chiama Cloud Solution Provider; con quest’ulteriore assistenza, la società informatica riesce a far comprendere ai propri partner come offrire soluzioni in bundle ai propri utenti ma con una soglia economica d’investimento, nella fase iniziale, sostenibile.

In conclusione, infine, si può dire che il Cloud Enablement Desk è una sorta di “salvagente” per quelle Piccole e Medie Imprese che si trovano a nuotare in un mare pieno di grossi squali, come catene e multinazionali, e che grazie all’azienda di Redmond riescono ad evolversi e innovarsi, perché se ogni anno c’è una crescita italiana dei partner Microsoft del 200% di certo non può essere un caso.