Mimmo Lucano
Mimmo Lucano
adv

Per la cassazione Mimmo Lucano non ha compiuto alcun reato riguardo le procedure per l’appalto riguardante la gestione dei rifiuti a Riace.

Mimmo Lucano

Nato nel 1958, Mimmo Lucano è divenuto una figura di spicco nell’intero panorama mondiale (benché, purtroppo, in Italia se ne parli poco) per il suo approccio diretto ed accogliente nei confronti dei rifugiati politici e dell’immigrazione in generale. Si stima che circa 450 migranti siano riusciti a stabilirsi nel piccolo paesino di Riace ed integrarsi perfettamente con la comunità, fornendo un approccio positivo e stimolante ai suoi abitanti.

Le accuse

Indagato nel 2017 dalla Procura di Locri per la gestione del sistema d’accoglienza, viene accusato per abuso d’ufficio, concussione e “truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche ai danni dello Stato e dell’Unione europea”. A seguito di ciò, il sindaco di Riace finisce agli arresti domiciliari nell’ottobre 2018 con l’accusa di illeciti nell’affidamento diretto del servizio di raccolta dei rifiuti e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Nonostante parte di queste accuse si siano rivelate infondate, come la truffa ai danni dello Stato e dell’Unione europea e l’abuso d’ufficio, il prefetto lo sospende dalla sua carica di Sindaco. Poche settimane dopo gli arresti, il tribunale di Riace ne revoca i domiciliari, pur mantenendo il divieto di dimora nel paesino. Divieto caduto il 26 Febbraio. Nella giornata del 2 Aprile anche le accuse di illeciti nell’affidamento del servizio di raccolta rifiuti è caduto, e sembra vacillare anche quella di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Le innovazioni

La politica fortemente attiva del Sindaco di Riace ha permesso al paesino di ritrovare nuova linfa vitale, trasformando il rifugiato politico ed il migrante non più come un peso per la comunità, ma come una vera e propria risorsa. Il “Modello Riace” vanta differenti azioni, intraprese nel corso del tempo, come l’adesione allo SPRAR, l’ottenimento di fondi e mutui per riprendere immobili dismessi e fornire accoglienza e ospitalità ai richiedenti asilo. Per quanto riguarda la questione ambientale, invece, il Sindaco ha disposto una raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta possibile solo grazie all’utilizzo degli asini. Gli animali, ogni giorno, accompagnano due operatori ecologici che passano tra le strade della città e raccolgono la spazzatura.

I premi

Benché bistrattato in Italia perché in forte contrapposizione con le maggiori tendenze politiche locali, Mimmo Lucano è stato insignito di numerosi premi. Nel 2006 riceve il Premio sostenibilità ambientale dalla Provincia di Roma, nel 2010 arriva terzo al Premio World Mayor (premio assegnato ai migliori sindaci di tutto il mondo).

Nel 2015 riceve il Premio per la Pace ed i Diritti Umani a Berna, nel 2016 è 40esimo nella lista Fortune dei leader più influenti al mondo, nel 2017 riceve il Premio per la Pace Dresda e, nel 2018, riceve la cittadinanza onoraria dal comune di Milano.