Napoli: video hot casalingo finisce alle Iene, l’appello della ragazza madre in radio

161
video hot casalingo in rete

Un nuovo caso Tiziana Cantone all’orizzonte: madre di due figli in un video casalingo che di smartphone in smartphone è finito in Rete

Napoli – Diventa un caso nazionale finendo addirittura a Le Iene (Italia 1) il video hot di una coppia campana che sarebbe dovuto rimanere privato. Il filmato era stato girato per sfizio e sarebbe dovuto rimanere solo nello smartphone di colui che l’ha girato, invece le immagini sono finite in Rete, come già accaduto in altri casi analoghi e con tutte le conseguenze del caso.

Il caso di Tiziana Cantone, evidentemente, non ha insegnato nulla, così lei, una mamma di due bambini avuti con un uomo che non è più nella sua vita, ha tentato addirittura il suicidio.

Gli episodi del recente passato, del resto, hanno confermato che per quanto le autorità cerchino di bloccare la diffusione virale di questi video, è praticamente impossibile sapere il numero esatto di persone che lo hanno scaricato su computer, smartphone o tablet.

Un nuovo caso Tiziana Cantone?

Per questo motivo, un gruppo di amici della ragazza si è rivolto a Radio Marte in modo tale da diffondere un messaggio agli ascoltatori, chiedendo a chiunque avesse ricevuto il video hot tramite computer o dispositivo mobile, di cancellarlo immediatamente senza condividerlo ulteriormente.

Si vuole evitare, infatti, un altro caso Tiziana Cantone, la ragazza che nel settembre del 2016 si è tolta la vita dopo che un suo video hot era finito in Rete, sottoponendola ad una vera e propria gogna mediatica. Intervenuta alla trasmissione “La Radiazza” di Gianni Simioli, è stata la stessa Maria (nome di fantasia) a chiedere di cancellare il video a luci rosse: “Fatelo per i miei figli”, ha chiesto, temendo che soprattutto uno dei suoi due figli potesse avere problemi essendo in età scolare.

A fianco di Maria si è schierata l’assessore regionale alle Pari Opportunità della Regione Campania, Chiara Marciani, che ha incontrato la ragazza illustrandole quali siano gli strumenti offerti dalla legge regionale per proteggerla durante il percorso giudiziario che, inevitabilmente, seguirà il suo iter dopo la denuncia. Ma anche Miki Gioia, personaggio televisivo e manager della Eliminalia, società che opera nell’ambito della tutela del diritto all’oblio digitale, ha dato la propria disponibilità a supportare la donna esposta in pochi giorni al pubblico ludibrio. L’azienda è nata in Spagna, ma ha sedi in tutto il mondo e aiuta chi ha la necessità di far sparire notizie e documenti dalla Rete.

Il video hot di Maria a Le Iene domenica sera

Dalla società Eliminalia, dunque, arriverà un aiuto concreto per cercare di cancellare quante più copie possibili del filmato incriminato, oltre a fornire supporto morale alla donna che sta attraversando un periodo molto delicato. Dopo gli inviti di Simioli a mostrare la propria vera identità e diventare così testimonial di una campagna contro la diffusione in Rete di filmati hard, Maria ha così accettato anche di rilasciare un’intervista alla trasmissione televisiva “Le Iene”.

Un inviato Mediaset ha raggiunto la casa della giovane madre e il servizio, non andato in onda nella puntata di mercoledì 14 febbraio, sarà dunque trasmesso domenica 18. Appuntamento alle 21:20 su Italia 1.