Home ALL CRONACA Cronaca Noemi si è svegliata dal coma!

Noemi si è svegliata dal coma!

268
Noemi
L'ospedale Santobono di Napoli dove è ricoverata la piccola Noemi

Noemi si è svegliata dal coma, grande commozione all’ospedale Santobono di Napoli

Nel giorno della notizia dell’arresto del presunto sicario, Armando Del Re, e di suo fratello in qualità di complice, giunge una bellissima notizia: il risveglio dal coma della piccola Noemi.

Ad annunciare la lieta notizia è stato il manager dell’ospedale Santobono di Napoli, Anna Maria Minicucci:“Il momento che stavamo aspettando da una settimana”.

Noemi: le ultime novità sulle sue condizioni

Le ultime notizie, quindi, sono incoraggianti, ma la prognosi resta riservata. Comunque da questa mattinata, 10 maggio,  la piccola è stata portata ad uno stato di sedazione e riesce a respirare spontaneamente senza necessità di ventilazione meccanica.

Dal nosocomio fanno sapere che  la bambina è stata sottoposta a broncoscopia così da permettere di liberare i bronchi. Il prossimo bollettino sarà diramato, presumibilmente, tra 24 ore.

Noemi: la gioia dei medici 

Dopo sette giorni di coma indotto, quindi, la piccola Noemi si è finalmente svegliata. Grande gioia all’ospedale Santobono tra medici e infermieri che hanno aspettato a lungo questo momento.

Abbiamo ancora tutti nella mente la notizia della sparatoria di Piazza Nazionale venerdì scorso, ma per fortuna sembra che il peggio sia passato.

Già nella giornata di ieri i medici avevano registrato dei progressi nella funzione respiratoria.

La mobilitazione di tutta la popolazione civile

Nel corso di questa settimana si sono succedute tante manifestazioni da parte della popolazione napoletana, quella civile, quella che vuole eliminare la camorra dalla città.

Due in particolare hanno colpito l’opinione pubblica, quella partita da Piazza Nazionale e quella di ieri davanti al Santobono dove, fuori al cancello dell’ospedale, si sono riunite tantissime persone con messaggi d’affetto, fiaccolate e tanti giocattoli.

Commovente l’abbraccio di tutta Napoli, un segnale che per questa città c’è ancora speranza di risorgere e di risolvere i problemi legati alla criminalità.