Basilica di Notre Dame di Parigi
Basilica di Notre Dame di Parigi
adv

L’incendio che ha devastato la Basilica di Notre Dame di Parigi ieri, 15 aprile 2019, rappresenta un danno per la Storia e la Cultura d’Europa

Abbiamo bene impresso in mente l’incendio che ha danneggiato irrimediabilmente la Cattedrale di Notre Dame ieri, lunedì 15 aprile. Al di là dei danni riportati all’Arte, che sono notevoli, non dobbiamo e non possiamo dimenticare che Notre Dame è un simbolo non solo della Cristianità ma anche della Storia Europea.

Ai tempi dell’Antica Roma

Dopo che Caio Giulio Cesare ebbe sconfitto Vercingetorige nel 52 a. C. venne ricostruita la città di Lutezia (l’antica Parigi) e in quell’occasione, sul luogo dove sorgerà Notre Dame, fu edificato un tempio a Giove Ottimo Massimo, in segno di gratitudine per la vittoria riportata.

Con l’avvento del Cristianesimo sorse una prima cattedrale dedicata a Santo Stefano e poi una chiesa dedicata alla Vergine Maria.

Il Medioevo e la Basilica di Notre Dame

Il Medioevo vide sorgere l’attuale Basilica di Notre Dame. La sontuosità che la contraddistingue è dovuta a due motivi: Parigi, sotto Re Filippo I, divenne la capitale della Francia e quindi vi era necessità di costruire una basilica che fosse all’altezza di una capitale; il nuovo Arcivescovo di Parigi, il teologo Maurice de Sull, decise appena insediato (ottobre 1160), di realizzare una nuova chiesa visto che Santo Stefano era ormai in rovina.

La prima pietra venne posta venne posata al cospetto di Papa Alessandro III, il quale soggiornò a Parigi dal 24 marzo al 25 aprile 1163, al fine di incontrarsi con il nuovo sovrano francese, Luigi VII il Giovane.

Da Notre Dame fu indetta la Terza Crociata

Da questo luogo storico, durante la prima celebrazione liturgica (1185) Eraclio di Cesarea, Patriarca di Gerusalemme, indisse la Terza Crociata per sottrarre i Luoghi Santi della Palestina dal controllo dei musulmani.

Terza Crociata (1189-1192), nota anche come Crociata dei Re per i numerosi sovrani cristiani che vi presero parte. Riccardo I Cuor di Leone, Federico Barbarossa e Filippo II Augusto si scontrarono con il famoso Saladino.

Napoleone incoronato Imperatore dei Francesi

Passando direttamente all’Età Moderna, vogliamo ricordare che la Basilica di Notre Dame è stato il luogo scelto da Napoleone Bonaparte per la sua incoronazione imperiale. Il 2 dicembre del 1804, per dimostrare un collegamento con la Storia dei Re di Francia e in presenza di Papa Pio VII, avvenne nell’antica Cattedrale l’incoronazione di Napoleone I a Imperatore dei Francesi.

La scena di Napoleone che toglie la corona imperiale al Papa per deporla lui stesso sulla sua testa è stata immortalata da Jacques-Louis David.

PSB Privacy e Sicurezza ha lanciato l’hashtag #iostoconNotreDame, in segno di rispetto e di fiducia nella ricostruzione.

Avatar
Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.