Incendio Notre Dame
adv

Misure preventive per i partecipanti. Sarà obbligatorio indossare un casco da cantiere

Lo scorso 15 aprile, nel bel mezzo delle celebrazioni della Settimana Santa, un incendio ha devastato parte della chiesa di Notre Dame, tra le espressioni sgomente del popolo parigino e lo sguardo attonito di tutto il mondo. Le immagini, in pochi minuti, hanno fatto il giro di notiziari, giornali e media. Queste mostravano la cattedrale, cuore propulsore della capitale francese, avvolta dalle fiamme.

 

Finestra chiesa di Notre Dame

Un evento insolito

A quasi due mesi dalla triste tragedia, un barlume di luce avvolge il popolo parigino con una notizia che ha tutto il sapore di una ventata di normalità: la prossima settimana si celebrerà la prima Santa Messa tra le mura della cattedrale. Un evento assolutamente insolito, viste le misure di sicurezza indispensabili affinché il tutto possa avere luogo senza impedimenti. I partecipanti dovranno indossare un casco, lo stesso che usualmente viene indossato dagli operai che lavorano in cantiere.

 

Notre Dame: vista della facciata

Una festa della speranza

A darne l’annuncio è stato il Monsignor Patrick Chauvet, rettore della cattedrale, dopo il desiderio espresso dall’arcivescovo di Parigi, Michel Aupetit. “È una grande festa della speranza per noi“, ha commentato Chauvet quando ha reso nota la notizia. Del resto, è esattamente questo lo spirito giusto che incarna le aspettative della Chiesa e di tutta la gente comune che non attendeva altro. Non sarà ancora possibile una celebrazione tradizionale aperta al pubblico, in quanto buona parte della struttura è ancora oggetto di lavori di ristrutturazione. Vi prenderanno parte l’arcivescovo della città, alcuni sacerdoti e qualche altra figura appartenente al clero. La funzione si svolgerà in una piccola cappella risparmiata dalle fiamme, ubicata nella parte posteriore della cattedrale, dove si conserva una corona di spine, che i fedeli onorano come la corona indossata da Cristo negli ultimi istanti della sua vita.