adv

Sant’Arsenio nasce a Roma da una nobile famiglia nel 354 circa. Cresce circondato dalla cultura e diviene talmente dotto che l’imperatore Teodosio decide di sceglierlo come precettore per i suoi due figli. L’ambiente di corte non è quello che più si addice alla sua personalità, troppo ligia al dovere e alla preghiera.

E’ talmente legato ai suoi principi da non arretrare di un passo e attirare le ire di uno dei due figli di Teodosio, Arcadio, che ordisce una congiura contro Arsenio. L’attentato alla sua vita fallisce, ma Arsenio decide di abbandonare la vita di corte e di ritirarsi in una comunità di anacoreti a Scete, sotto le cure dell’abate San Giovanni Nano.

Sant’Arsenio è conosciuto come uno dei saggi della Chiesa Cristiana. Nell’iconografia classica Sant’Arsenio viene sempre rappresentato con la barba bianca, segno di saggezza.

A Napoli si dice: “L’amico è comme’ ‘o ‘mbrello: quannno chiove nun o truove maje” (L’amico è come l’ombrello, non è mai a portata di mano quando piove).

Riflessione del giorno

Non avere fretta per rendere ciò che ti e stato fatto. Il tempo lo farà per te al momento giusto.

 

Casimiro Todichhio