Home all sport Tempo Libero Oggi, 26 ottobre, si festeggia San Evaristo

Oggi, 26 ottobre, si festeggia San Evaristo

30

Secondo il Liber Pontificalis, Evaristo era di nazionalità greca, con il padre originario di Betlemme. Nel documento si riferisce pure che il santo ordinò sette diaconi, attribuì per primo i tituli ai presbiteri e subì il martirio

Poco si sa di Evaristo: sarebbe nato a Betlemme da una famiglia ebraica ellenizzante e si sarebbe convertito al Cristianesimo a Roma. Resse la diocesi romana in sostituzione di papa Clemente I, esiliato nel Chersoneso Taurico, al tempo della persecuzione dell’imperatore Domiziano o, più probabilmente, di Traiano.

Ci si è domandati, se Evaristo debba essere considerato vero papa (e non solo “vice”) dall’anno 97, quando Clemente I andò in esilio; oppure solo dal 101, anno in cui Clemente morì martire in Crimea (notizia di Eusebio di Cesarea nella sua Storia Ecclesiastica). Per Eusebio è chiaro: Clemente, dopo nove anni di pontificato (88-97) «…trasmise il sacro ministero a Evaristo».

Iniziò la pratica della benedizione pubblica dopo la celebrazione del matrimonio civile. Tuttavia questa affermazione del Liber è priva di ogni fondamento, poiché attribuisce a Evaristo un’istituzione più tarda della Chiesa di Roma.

Più degna di fede è l’affermazione del Liber Pontificalis che indica la sua sepoltura presso la tomba di Pietro, anche se un’altra tradizione lo dice sepolto nella chiesa di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta a Napoli.

Il martirio di Evaristo, sebbene tradizionale, non è storicamente provato.
A papa Evaristo vengono attribuite due epistole, che fanno parte di quel complesso di falsi medievali noti con il nome di Decretali pseudoisidoriane.

 

A Napoli si dice: “D’ ‘o muorto e d’ ‘a sposa se parla pe’ otto juòrne”.  
Del morto e della sposa se ne parla per otto giorni.

 

Riflessione del giorno: 

Il segreto del mio lungo matrimonio? Andiamo al ristorante due volte a settimana. Ceniamo a lume di candela, musica romantica e qualche passo di danza… Lei ci va il martedì e io il venerdì.
Henny Youngman.

 

Casimiro Todicchio