adv

San Leopoldo Mandic nacque a Castelnovo di Cattaro (Montenegro) il 12 maggio 1866 e morì a Padova il 30 luglio 1942. Passò quasi tutta la vita in confessionale con il più eroico sacrificio. La sua parola era sorgente di perdono, di luce, di conforto.
Si offrì a Dio vittima per il ritorno dei fratelli orientali all’unità della Chiesa. Dopo la morte, la fama della sua santità si diffuse rapidamente in gran parte dei mondo. Innumerevoli le grazie attribuite alla sua intercessione. Dopo soli 41 anni dalla morte, venne solennemente canonizzato da Giovanni Paolo II il 16 ottobre 1983.

 

 

A Napoli si dice: “Quann’ ‘o mellone jesce russo, ognuno ne vo’ ‘na fella
(Quando il cocomero esce rosso, ognuno ne vuole una fetta)

 

Riflessione del giorno:

Si legge quello che piace leggere, ma si scrive quello che si è capaci di scrivere.
(Jorge Luis Borges)

 

Casimiro Todicchio